martedì,Novembre 30 2021

Anniversario della morte di Mamma Natuzza: ecco i dettagli dell’evento

La messa sarà celebrata nel piazzale della Villa della Gioia. La visita alla tomba della Serva di Dio è prevista al termine. Nessun accesso alla nuova chiesa

Anniversario della morte di Mamma Natuzza: ecco i dettagli dell’evento
La Villa della gioia, simbolo di Paravati

La messa all’aperto in programma a Paravati, in occasione dell’anniversario della morte di Natuzza Evolo avvenuta il primo novembre del 2009, rappresenterà, di fatto, la ripartenza delle funzioni sacre nella Villa della Gioia, dopo la lunga fase pandemica da Covid-19 e la conclusione della diatriba, per oltre tre anni in atto, tra Diocesi e Fondazione “Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime” sul tema delle riforme statutarie riguardanti quest’ultima.
Una celebrazione eucaristica particolarmente attesa dal nutrito popolo di fedeli che si rifà al carisma della serva di Dio che, nell’occasione, sarà presieduta dal nuovo vescovo monsignor Attilio Nostro sul sagrato della chiesa della Villa della Gioia, ancora in attesa del rito di dedicazione e di essere aperta al culto.
La santa messa nel ricordo del pio transito di Mamma Natuzza è prevista nel giorno di Ognissanti, a partire dalle 10.30. Nell’occasione giungeranno numerosi pellegrini, anche provenienti da altre regioni d’Italia. E, al riguardo, la Fondazione di religione e culto di Paravati nelle scorse ore ha diramato i dettagli organizzativi della manifestazione.

I devoti della mistica potranno accedere al piazzale della Villa della Gioia solo dal cancello centrale grande. Quindi, nessun ingresso «dal cancello sito in prossimità della cappella dove è custodita la tomba di Natuzza», nello specifico da quello adiacente alla Casa per anziani “Monsignor Pasquale Colloca”. I pellegrini, nel pieno rispetto delle disposizioni anti Covid, dovranno esibire il Green Pass, indossare la mascherina, evitare assembramenti e utilizzare i prodotti per l’igiene alle mani, «disponibili in corrispondenza degli accessi agli ambienti chiusi».
L’accesso alla cappella in cui è situata la tomba della serva di Dio sarà reso possibile solo a conclusione della celebrazione eucaristica all’aperto, «salendo dal lato destro della nuova chiesa», che – ricorda in conclusione la Fondazione “Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime” – al momento «non è visitabile».

LEGGI ANCHE: Il nuovo vescovo di Mileto si presenta ai fedeli: «I figli educano i genitori ad amare» -Video

Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea: intervista esclusiva al vescovo Attilio Nostro

Rettore chiesa di Natuzza, padre Michele Cordiano si insedierà il primo settembre

Articoli correlati

top