martedì,Novembre 30 2021

L’Unione consumatori di Vibo in prima linea per la tutela dei diritti

La presidente Giusi Fanelli ai cittadini: «Devono conoscere i propri diritti ed essere informati sulla strada da percorrere»

L’Unione consumatori di Vibo in prima linea per la tutela dei diritti
Corso Vittorio Emanuele a Vibo Valentia

L’Unione nazionale consumatori di Vibo Valentia continua la sua lotta contro le ingiustizie. Sul territorio da ormai 15 anni, ha avviato una serie di iniziative  contro gli abusi e a tutela dei consumatori. Partendo dai diritti fondamentali, quali: la tutela alla salute, alla sicurezza e alla qualità dei prodotti e dei servizi. Il diritto alla trasparenza, ad un’adeguata informazione e ad una corretta pubblicità, non ingannevole. Il diritto all’educazione al consumo, alla correttezza ed all’equità nei rapporti contrattuali. Gli abusi sono all’ordine del giorno ed il consumatore si trova totalmente inerme e disinformato. [Continua in basso]

Il diritto alla trasparenza

L’UNC ha deciso di creare al suo interno un’area stampa, con l’obiettivo di garantire una comunicazione trasparente e corretta. I cittadini e le cittadine devono conoscere i propri diritti e, soprattutto, devono essere informati sulla strada da percorrere nel caso in cui questi diritti vengano negati. «In un mondo dominato da fake news e poca trasparenza – chiosa Giusi Fanelli, presidente comitato UNC Vibo – l’UNC si fa portavoce dei diritti dei consumatori, creando un sistema di comunicazione trasparente ed efficace, ciascun cittadino deve essere informato dei suoi diritti e di quanto sia importante combattere per l’affermazione e il riconoscimento di tali diritti».

Obiettivo: la tutela dei consumatori

UNC è un’associazione indipendente da partiti politici e sindacati, fondata nel 1955 ad opera di Vincenzo Dona, ha come finalità esclusiva «la tutela e la rappresentanza dei consumatori, perseguite attraverso le proposte di nuove leggi e l’attività di assistenza, informazione, educazione e orientamento rivolta ai cittadini – conclude la presidente del comitato – attraverso i nostri sportelli».

Articoli correlati

top