giovedì,Agosto 18 2022

Ai vigili del fuoco di Vibo assegnato un mezzo bimodale: si muove su strada e binari

Otto autisti del Comando provinciale hanno partecipato a un corso per ottenere l'abilitazione a guidare lo speciale veicolo: servirà per intervenire nelle gallerie in caso di incendio

Ai vigili del fuoco di Vibo assegnato un mezzo bimodale: si muove su strada e binari

Al fine di gestire le eventuali emergenze all’interno delle gallerie, Rfi ha acquistato circa trenta automezzi speciali denominati “bimodali” in grado di viaggiare sia su strada che su rete ferroviaria. Uno di questi mezzi, concessi in comodato d’uso al Corpo nazionale dei vigili del fuoco, è stato assegnato al Comando di Vibo Valentia. La rete ferroviaria che attraversa la provincia di Vibo Valentia è caratterizzata dalla presenza di diverse gallerie di notevole lunghezza, una delle quali – denominata “Francica” – supera la lunghezza di 5 chilometri. [Continua in basso]

Il corso di formazione

Per consentire al personale autista di ottenere l’abilitazione a guidare il mezzo sui binari, è stato istituito un corso speciale articolato in diverse giornate, della durata di 36 ore, tenuto da personale Rfi. Al corso, che si è svolto per la parte teorica presso il Centro di formazione regionale dei vigili del fuoco di Lamezia Terme, hanno partecipato otto autisti del Comando di Vibo Valentia. La parte pratica, poi, si è svolta nella notte del 29 aprile presso la galleria Francica, nel piazzale appositamente predisposto in prossimità dell’imbocco nord nel comune di San Gregorio d’Ippona. Gli autisti che hanno partecipato all’attività formativa, hanno messo in atto le tecniche apprese durante il corso teorico, effettuando manovre di inserimento sulla rete ferroviaria e transito sulla stessa infrastruttura. Al fine di abilitare un numero sufficiente di autisti l’attività formativa verrà replicata nelle prossime settimane.

Caratteristiche del mezzo

Il mezzo dotato di un sistema di trazione tradizionale su gomma ed uno ausiliario su ruote ferroviarie. Oltre ad avere in caricamento le dotazioni tradizionali delle Aps (autopompa serbatoio) dispone di un sistema di autoprotezione che raffredda la cabina e gli pneumatici in caso di incendio in galleria,  un sistema di respirazione autonomo attraverso una batteria di 8 bombole di aria da 9 litri  caricate a 300 bar (oltre alle bombole individuali degli operatori e relativa riserva complessivamente 14 bombole), una termocamera installata nella parte anteriore che permette di individuare anche attraverso il fumo la presenza di persone o oggetti in galleria ed un cannoncino installato sulla cabina del mezzo comandabile dall’interno. La velocità su rotaia è di 40 km/h in avanzamento e di 19 km/h in retromarcia.

Articoli correlati

top