lunedì,Settembre 26 2022

Ospedale di Vibo, i Clown Vip ritornano a fare sorridere i piccoli degenti – Foto

I volontari dell’associazione hanno nuovamente indossato i nasi finti e sono tornati a rallegrare le giornate di quei bambini che, loro malgrado, sono costretti a una degenza ospedaliera

Ospedale di Vibo, i Clown Vip ritornano a fare sorridere i piccoli degenti – Foto

di E. D. G.

Di nuovo in corsia per portare un sorriso ai piccoli degenti dell’ospedale di Vibo Valentia. Dopo la pausa estiva, i volontari dell’associazione Clown Vip Vibo hanno nuovamente indossato i nasi finti e sono tornati a rallegrare le giornate di quei bambini che, loro malgrado, sono costretti a una degenza ospedaliera. «In accordo con l’Asp e il primario Salvatore Braghò – spiegano – abbiamo calendarizzato i nostri interventi che si svolgeranno per due domeniche al mese. Come sempre, siamo stati accolti con grande entusiasmo sia dai pazienti che dal personale medico. Primario, caposala e infermieri ci hanno dato il benvenuto con gioia, facendoci sentire tutto il calore che genera la maschera più piccola del mondo: il nostro naso rosso». [Continua in basso]

I più felici erano, ovviamente, i bambini, per i quali i clown volontari hanno messo in scena sketch e piccoli giochi di prestigio, facendo risuonare risate e applausi nei locali del reparto. «La magia che ogni volta si crea durante l’incontro con i nostri piccoli e grandi amici nelle corsie degli ospedali in Italia – ma anche nei Paesi poveri del mondo dove talvolta andiamo in missione – ci rende sempre più consapevoli di quanto sia importante quello che facciamo, di quanta gioia regaliamo e di quanta ne riceviamo».

Anche questa volta, a Vibo, il risultato era garantito dall’impegno di questi volontari che rinunciano anche a citarsi con i propri nomi di battesimo, preferendo ricorrere solo al loro nome da clown: Maco, Ohsbirulina, Gabbateju e Morgana, sono loro che hanno trasformato in un bel ricordo anche una domenica in ospedale. «Le persone che incontriamo negli ospedali, nelle case di riposo, nelle carceri, nelle comunità – concludono -, hanno bisogno della nostra sensibilità, della nostra allegria, del nostro tempo e della nostra capacità di saper toccare i tasti giusti, di saper interagire in qualsiasi situazione di difficoltà e sofferenza, di degrado e disagio. Ma anche noi riceviamo tanto in termini di calore umano. E abbiamo bisogno del loro benessere e dei loro sorrisi per dare valore al nostro servizio di volontariato che svolgiamo in modo completamente gratuito con grande dedizione».

Articoli correlati

top