giovedì,Giugno 13 2024

“In her name”, gli studenti di Nicotera si aggiungono al coro di proteste per la morte di Mahsa Amini in Iran

Grazie alla potenza delle immagini, i ragazzi dell’Istituto tecnico industriale “Achille Russo” hanno voluto lanciare un messaggio a favore dei diritti delle donne

“In her name”, gli studenti di Nicotera si aggiungono al coro di proteste per la morte di Mahsa Amini in Iran
Alcuni degli scatti realizzati dagli studenti nicoteresi

Continuano a spirare sull’Iran i venti di protesta che si sono alzati dopo la morte, il 16 settembre scorso, di Mahsa Amini, 22enne curda arrestata dalla polizia religiosa a Tehran perché non portava il velo in modo corretto e deceduta dopo un pestaggio. Da allora, uomini e donne sono scesi nelle piazze iraniane per protestare contro la Repubblica islamica e le iniziative di contestazione e solidarietà si sono moltiplicate pure nei Paesi occidentali. Ha assunto un significato simbolico il gesto di tagliarsi una ciocca di capelli.
Qualcosa nei giorni scorsi si è mosso anche a Nicotera, dove i ragazzi dell’Istituto tecnico industriale “Achille Russo” hanno aderito a una campagna internazionale di sensibilizzazione a favore dei diritti delle donne e contro la brutale uccisione di Mahsa Amini. [Continua in basso]

“In Her Name” il titolo del progetto di digital story telling curato dagli studenti nicoteresi, sotto la supervisione delle professoresse Anna Maria Tedesco e Laura Barbalace. Grazie alla potenza delle immagini e con degli scatti originali, racchiusi in un video, di cui sono protagonisti ed ideatori, i ragazzi dell’Istituto tecnico industriale di Nicotera hanno voluto aggiungere la loro voce al coro di protesta che sta divampando in tutto il mondo.

Articoli correlati

top