sabato,Aprile 20 2024

Vibo Marina, celebrata la Giornata della Memoria dagli alunni della “Amerigo Vespucci”

Protagonisti dell'iniziativa sono stati gli studenti delle scuole elementari e medie che nella centrale piazza della cittadina portuale hanno ribadito il loro No a qualsiasi forma di discriminazione razziale

Vibo Marina, celebrata la Giornata della Memoria dagli alunni della “Amerigo Vespucci”

“Coltivare la Memoria è ancora oggi un vaccino prezioso contro l’indifferenza e ci aiuta, in un modo così pieno di ingiustizie e di sofferenze, a ricordare che ciascuno di noi ha una coscienza e la può usare” ( Liliana Segre). E’ stata un’iniziativa molto partecipata quella organizzata dall’Istituto Comprensivo statale “Amerigo Vespucci” di Vibo Marina e che ha visto come protagonisti i ragazzi delle scuole elementari e medie della cittadina portuale che si sono dati appuntamento in piazza per riaffermare, in occasione della Giornata della memoria del 27 gennaio, la propria condanna per quanto avvenuto nel passato e per gridare il loro deciso “no” a qualsiasi forma di discriminazione razziale. [Continua in basso]

“Lo scopo di questa Giornata- ha sottolineato l’insegnante A. Giannini- è quello di far comprendere alle future generazioni che la conoscenza del passato è fondamentale per evitare di ripetere gli stessi errori. I giovani devono farsi ambasciatori e portavoce di un messaggio di pace. Come possono i bambini diventare interpreti di ciò? Certamente non attraverso la lettura di testi difficili ida comprendere alla loro età. Per questa ragione abbiamo selezionato dei simboli e spiegato il loro significato ai bambini. Il libro rappresenta la fonte a cui attingere per conoscere i contorni del problema; le farfalle che fuoriescono dal libro rappresentano la vita e la speranza e con esse escono anche le parole chiave: pace, rispetto, libertà, amore, fratellanza. Il filo spinato rappresenta fisicamente il recinto in cui si tenevano i prigionieri del campo, ma in senso figurato rappresenta ancora oggi, in ogni parte del mondo, lo spazio ristretto in cui molti esseri umani subiscono violenze, prevaricazioni per i più svariati motivi. Le gocce rosse sono le lacrime versate da coloro i quali erano nella sofferenza, le rose vogliono offrire un messaggio di speranza, di vita che va difesa, di bellezza. Se educhiamo i bambini ad assaporare il gusto della bellezza, essi non potranno mai sfregiare la stessa come accaduto in passato”.

LEGGI ANCHE: “Shoah tra storia e memoria”: incontro al liceo scientifico “Berto” di Vibo

Vibo, al liceo classico un momento di riflessione sulla Shoah con racconti e testimonianze

Articoli correlati

top