Adotta un monumento, la scuola media di San Nicola da Crissa medaglia d’argento – Video

Il video con cui è stato ottenuto il prestigioso premio nazionale è stato realizzato dal video reporter di LaC Tv Saverio Caracciolo
Il video con cui è stato ottenuto il prestigioso premio nazionale è stato realizzato dal video reporter di LaC Tv Saverio Caracciolo
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Abitare i luoghi, saperli valorizzare e promuovere. Sono questi alcuni aspetti che hanno caratterizzato il progetto scolastico nazionale “Adotta un monumento”, targato Miur e Mibac. Un’attività intensa che ha contato l’adesione di ben 1300 istituti scolastici e coinvolto 450 comuni di tutta Italia. Una testimonianza di attaccamento alla propria storia si è riscontrata sia nella grande partecipazione che per l’entusiasmo dimostrato dagli studenti. Giovani che hanno mostrato interesse per il destino futuro del bene “adottato”.

Informazione pubblicitaria

Nell’ambito del concorso, sono state premiate diverse scuole calabresi tra cui la scuola media di San Nicola da Crissa dell’Istituto di Vallelonga (guidato dal dirigente scolastico Eleonora Rombolà), che ha ottenuto la medaglia “Stella d’argento”. Nello specifico, gli studenti hanno inteso adottare il museo della Confraternita del Santissimo Crocifisso, dove si custodiscono reperti, documenti inerenti la secolare devozione religiosa della piccola comunità. Sono i ragazzi stessi, attraverso il filmato realizzato dal video reporter di LaC Tv, Saverio Caracciolo e sotto la supervisione della referente del progetto, la professoressa Caterina Valente,  a raccontare la storia del sito e le opere facenti parte del corredo liturgico della Confraternita. Così come il Crocefisso del miracolo, simulacro ligneo cinquecentesco che sudò più volte dinnanzi agli occhi esterrefatti dei fedeli. Un viaggio nelle tradizioni e religiosità popolari affinché non se ne perda la memoria: «Gli alunni – ha spiegato la docente Valente – hanno aderito con vivo interesse, consultando fonti antiche, facendo ricerche ed interviste, ascoltando gli studiosi del territorio, tra cui il professore Vito Teti». Un lavoro collettivo che ha coinvolto 36 ragazzi e tre classi: «L’intento – ha aggiunto – era quello di far conoscere la storia del paese e questo museo unico nel suo genere. Essere rientrati nel medagliere nazionale – ha infine concluso la professoressa – è stato motivo d’orgoglio».

L’Istituto comprensivo “Fratelli Bandiera” di San Giovanni in Fiore con il lavoro “L’abbazia florense” ha ottenuto la “Medaglia d’oro stellata”. “Medaglia d’oro” per l’Istituto “Zumbini” di Cosenza con la Biblioteca civica. Quindi la scuola comprensiva “Mangone-Grimaldi” per il progetto “Ponte di Annibale sul fiume Savuto”, la “Galileo-Pascoli” di Reggio Calabria con “Forte Siacci di Matiniti Superiore” (entrambe medaglia d’argento). Unica scuola calabrese di secondo grado ad ottenere la medaglia d’argento, infine, il Liceo scienze umane e linguistico “Gullì” di Reggio Calabria con “Monumento a Corrado Alvaro”.

Gepostet von Caterina Valente am Montag, 30. September 2019