Carenza di bidelli, la dirigente scolastica: «Situazione segnalata da giugno»

Giuseppina Prostamo interviene dopo la protesta dei genitori di Zambrone: «Chieste all’Ufficio regionale otto unità, ne hanno mandate due»
Giuseppina Prostamo interviene dopo la protesta dei genitori di Zambrone: «Chieste all’Ufficio regionale otto unità, ne hanno mandate due»
Informazione pubblicitaria

«La situazione è in mano all’Ufficio scolastico regionale, spetta a loro l’assegnazione di ulteriori collaboratori». Giuseppina Prostamo, dirigente dell’istituto comprensivo di Tropea, ci tiene a chiarire di aver fatto «quanto in mio potere» per risolvere la questione relativa alla carenza di bidelli al plesso di Zambrone, dove questa mattina è montata la protesta dei genitori degli alunni della scuola dell’infanzia e primaria. Nel distaccamento zambronese sono infatti presenti due unità (una per infanzia e primaria e una per secondaria) che si trovano a gestire un centinaio di bambini, con conseguente apprensione di padri e madri non solo per questioni igienico-sanitarie, ma anche di incolumità dei piccoli: «I bambini potrebbero uscire dalle porte incustodite e finire sotto una macchina», avevano tuonato, minacciando anche di non far entrare i figli a scuola fino alla soluzione definitiva del problema. Oggi arriva quindi l’intervento della dirigente, che chiarisce anche i tempi nella gestione della criticità: «La carenza è stata segnalata più volte già dal 20 giugno scorso: sin dall’inizio abbiamo chiesto otto collaboratori in più, ma ce ne hanno assegnati soltanto due. Circa quindici giorni fa abbiamo ripetuto la richiesta e siamo ancora in attesa di una risposta che sarebbe dovuta arrivare già lunedì, ma gli uffici di Catanzaro sono rimasti chiusi per via del terremoto». Una carenza che, a quanto pare, non riguarderebbe solo il distaccamento di Zambrone: «È una situazione incresciosa – incalza la Prostamo – perché sto dirottando a rotazione in quella scuola il personale di Tropea, dove però è iniziato il tempo pieno e quindi ho difficoltà anche qui». Eppure una soluzione tempestiva ci sarebbe: «Potrei anche avere la possibilità di nominare direttamente il personale – ha spiegato la dirigente -, ma finché non mi viene data una liberatoria dall’Ufficio scolastico regionale non posso fare nulla». Da Catanzaro si attende quindi un segnale che potrebbe arrivare a stretto giro. Nel frattempo i genitori restano in allerta, pronti a chiamare in causa il prefetto se la vicenda non vedrà una soluzione definitiva in tempi brevi.

Informazione pubblicitaria