Potenzoni, festa per i 500 anni dalla canonizzazione di San Francesco di Paola

La statua del santo sarà riportata nei luoghi dove un tempo sorgeva il monastero dei minimi
La statua del santo sarà riportata nei luoghi dove un tempo sorgeva il monastero dei minimi
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Risaldare il legame con il territorio, rinvigorire la fede nei confronti di San Francesco di Paola. Questo il fulcro delle iniziative messe in campo a Potenzoni in occasione del 500esimo anniversario della canonizzazione del santo. Resta radicata la tradizionale devozione della comunità nei confronti della preziosa statua, anticamente venerata nel convento dei minimi sito nel comprensorio di San Costantino. Dopo il terremoto del 1783, l’effigie venne accolta nella parrocchia di Potenzoni. Del complesso religioso, infatti, il catastrofico sisma non  risparmiò nulla. Di quella feconda testimonianza di fede ad oggi non restano che pochi ruderi. La parrocchia “Maria Assunta” di Potenzoni ha quindi scelto di organizzare domani, domenica 13 ottobre, un’intensa giornata di preghiera in grado di coinvolgere le due comunità. Prevista una processione, dalle ore 9.30, fino al vecchio convento dove si ricorderanno i devoti di ogni tempo nonché i padri minimi che in quei luoghi, con la loro attività, sono stati positiva presenza. Alle ore 11, quindi, breve percorso per le vie di San Costantino e ingresso in chiesa dove sarà celebrata la messa. Al termine, processione di rientro e breve sosta al cimitero. L’appuntamento religioso diventa anche momento rievocativo della traslazione della venerata effigie dal piccolo convento alla chiesa parrocchiale di Potenzoni. Da martedì, inoltre, accoglienza delle comunità vicine devote affinché cresca e si rinnovi la fede nei confronti del santo patrono della Calabria.

Informazione pubblicitaria