San Calogero, affidati i lavori per realizzare la Casa della cultura

Esulta il sindaco Nicola Brosio: «Un’altra delle nostre promesse mantenute: la struttura sarà riferimento in tutta la provincia per ogni tipo di manifestazione»
Esulta il sindaco Nicola Brosio: «Un’altra delle nostre promesse mantenute: la struttura sarà riferimento in tutta la provincia per ogni tipo di manifestazione»
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Era forse l’opera pubblica più attesa dalla stessa amministrazione che l’aveva programmata, ed oggi inizia a vedere la luce. Si tratta della Casa della cultura di San Calogero, una struttura che si propone – come afferma il sindaco Nicola Brosio – di diventare punto di riferimento per l’intera provincia, sempre carente dal punto di vista degli spazi da dedicare alle attività artistiche, teatrali, musicali, di danza. I lavori sono stati consegnati alla ditta “Elettra” di Roma, che curerà il completamento del piano primo della Casa della cultura per la realizzazione entro febbraio di un auditorium e locali accessori. Rup è l’ingegnere Pasquale Lagadari, da quattro anni alla guida dell’ufficio tecnico. «Punto focale dei lavori – spiega il primo cittadino – è la realizzazione del tanto atteso auditorium che darà sfogo a tutti gli artisti ed alle tante associazioni locali che attualmente vedono fortemente limitata la loro operatività». L’importo complessivo del progetto è di 627mila euro finanziato dalla Regione Calabria nell’ambito dei contratti locali di sicurezza, che vanno ad aggiungersi ai circa 400mila già spesi durante il primo mandato dell’attuale amministrazione, serviti a recuperare la struttura che versava in condizioni di totale abbandono. «Altra bella notizia – aggiunge Brosio – è che anche il piano interrato e l’area esterna saranno completati e sistemati in quanto il Comune recentemente è risultato beneficiario di un altro finanziamento di un milione di euro nell’ambito di un finanziamento del ministero dell’Interno con il Pon Legalità. Pertanto saranno realizzati laboratori multimediali per i ragazzi e sarà sistemata l’area esterna», con tempi stimati di conclusione per il 2021.

Informazione pubblicitaria

«I cittadini – spiegano tutti i componenti dell’amministrazione – lamentavano la mancanza di una struttura degna per esibizioni, manifestazioni, mostre e quant’altro ed un po’ ci sentivamo in colpa, come se non fossimo stati in grado di dare anche questo al paese. Finalmente con questi ulteriori due finanziamenti anche questo gap sarà superato, il che ci rende assolutamente orgogliosi, anche perché nel quinquennio forte è stato l’interesse per l’ambito culturale con organizzazione di molte presentazioni di libri e kermesse varie, tra cui il premio “De Marco”».