Potenzoni in festa per San Francesco, anche i bimbi vestiti da frati

Intensi festeggiamenti nella piccola frazione di Briatico. Ad arricchire l’evento religioso, l’arrivo delle reliquie da Paola
Intensi festeggiamenti nella piccola frazione di Briatico. Ad arricchire l’evento religioso, l’arrivo delle reliquie da Paola
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

I bambini del paese vestiti da frati per omaggiare San Francesco di Paola. È stato questo uno dei momenti più significativi dei festeggiamenti a Potenzoni, frazione di Briatico. L’intenso programma religioso, curato dal parroco padre Luigi Scordamaglia, quest’anno si è arricchito di numerosi momenti pensati per rinvigorire la spiritualità e rinsaldare il legame con il territorio. Tra questi, il ritorno della statua del santo tra i resti dell’antico convento a San Costantino. Proprio lì, infatti, intorno al 1550 venne edificato un sito religioso su opera di padre Giovanni Scalzo, morto in sanità. Vi dimorava una comunità di monaci che, sull’esempio di San Francesco, viveva in semplicità e preghiera. Il terremoto del 1783 non risparmiò nulla. Tranne la statua, per secoli venerata da pellegrini di ogni dove. Si decise dunque per il trasferimento nella chiesa del vicino borgo di Potenzoni dove ancora oggi viene custodita. Un legame ricostruito che ha portato il piccolo centro del Briaticese ad accogliere nel corso della novena e della giornata di festa (presenti anche don Nicola Berardi e padre Lorenzo Di Bruno), centinaia di fedeli provenienti dai paesi limitrofi. Ad arricchire l’evento religioso, l’arrivo delle reliquie dal santuario di Paola, nel Cosentino. Il padre provinciale aveva infatti concesso la venerazione delle spoglie del santo istitutore dei minimi, per la gioia dei parrocchiani.

Informazione pubblicitaria