Bari e Mileto unite nel nome di San Nicola

Suggellato ufficialmente il gemellaggio tra l’arcidiocesi di Bari-Bitonto e la diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea. In puglia una delegazione guidata dal vescovo Renzo e dal sindaco Giordano
Suggellato ufficialmente il gemellaggio tra l’arcidiocesi di Bari-Bitonto e la diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea. In puglia una delegazione guidata dal vescovo Renzo e dal sindaco Giordano
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Diventa sempre più stretto il legame tra Bari e Mileto. Nei giorni scorsi una delegazione della cittadina normanna si è recata dalla Calabria in pellegrinaggio nel capoluogo pugliese, con il fine ultimo di suggellare il gemellaggio tra l’arcidiocesi di Bari-Bitonto e la diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea e tra la basilica pontificia di San Nicola di Bari e la basilica cattedrale miletese intitolata allo stesso santo. A sancire l’atto ufficiale e ad apporre la firma sulla pergamena, nella cripta in cui è situata la tomba del vescovo di Mira, sono stati i rispettivi presuli Francesco Cacucci e Luigi Renzo e i parroci delle due chiese locali, padre Giovanni Distante e don Domenico Dicarlo. Il gemellaggio di fraternità – così come si legge nel documento sottoscritto – è stato sancito “nel segno di un comune impegno nello zelare il culto a San Nicola”, impegno “che già lega ‘ab immemorabili’ le due comunità ecclesiali affratellate altresì dalla memoria del vescovo monsignor Enrico Nicodemo che le due chiese locali, in tempi distinti, hanno avuto come illustre pastore”. Monsignor Nicodemo è stato vescovo di Mileto dal 1945 al novembre del 1952. Subito dopo è stato chiamato dal Papa dell’epoca a presiedere per oltre 20 anni, sino alla morte avvenuta nel 1973, la cattedra arcivescovile di Bari. In entrambi i casi ha lasciato un ricordo di grande pastore di popolo e di uomo illuminato. Della delegazione calabrese in terra di Puglia ha fatto parte anche il sindaco di Mileto Salvatore Fortunato Giordano, a sancire in modo ancora più stretto l’amicizia con la città Bari e la devozione della cittadina normanna nei confronti del santo vescovo di Mira, patrono della basilica cattedrale, di numerose parrocchie diramate sul territorio e della stessa diocesi guidata da monsignor Renzo.

Informazione pubblicitaria