Eventi, mercatini e pista di pattinaggio: a Tropea il Natale arriva in anticipo

Il ricco calendario di appuntamenti natalizi prenderà il via già dal prossimo 16 novembre e vedrà il coinvolgimento di numerose associazioni
Il ricco calendario di appuntamenti natalizi prenderà il via già dal prossimo 16 novembre e vedrà il coinvolgimento di numerose associazioni
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Quest’anno, il frutto del nostro impegno deve essere massimo. Vogliamo dare un segnale ancora più forte dell’anno precedente. Mostrare ai tropeani, ai calabresi, all’Italia che ormai guarda a Tropea come ad una delle prime capitali del turismo balneare che anche nei mesi invernali la città rimane una perla, un luogo magico, una meta da privilegiare». Così Maria Antonietta Pugliese, presidente AssCom, Associazione Commercianti Tropea, anticipa le linee guida e le finalità che hanno portato l’amministrazione comunale, la sua organizzazione, l’As.Al.T – associazione albergatori cittadina, OspitiAmo Tropea, la società Porto di Tropea e tutte le associazioni culturali attive in città ad animare un grande calendario natalizio: una serie di eventi che vedranno nel Network LaC e nel Gruppo Pubbliemme un partner tecnico di importanza strategica.

Informazione pubblicitaria

«Animeremo le piazze e le vie del centro con luci, suoni e colori. Danze, degustazioni, iniziative culturali – prosegue la Pugliese -. Parleremo ai bambini, alle famiglie, ai calabresi che un tempo sceglievano Tropea anche come meta di shopping, tutto l’anno, e che, ci auguriamo, vorranno tornare a farlo. Apriremo i negozi, i bar, i ristoranti (molti dei quali ancora pieni di turisti). Insomma: vogliamo che il Natale 2019 sia il più bello di sempre, per la nostra comunità. E per questo, faremo grandi cose: daremo il massimo». Uno sforzo titanico, destinato ad animare la città come non si era mai visto: e che ha come primo obiettivo il rilancio del borgo marino anche nel periodo delle grandi feste invernali. Il primo Villaggio di Natale, tra divertimento e cultura, partirà in grande stile: e lo farà prestissimo, il 16 novembre, per due mesi di grandi eventi. Dalle luci d’artista in collaborazione con l’associazione B&B OspitiAmo Tropea alla pista di ghiaccio, dal presepe vivente alle zeppolate con gli chef Valentour e con i ragazzi dell’alberghiero, dalle cine-proiezioni a palazzo Santa Chiara di Teli tra i Cieli alle passeggiate gotiche con rappresentazioni teatrali on the road (a cura dell’associazione culturale Libertas). E ancora, dalle notti bianche per i più piccini, animate dalla vulcanica Maria Grazia Teramo e dalla sua associazione teatrale Laboart alle attesissime luci d’artista in centro storico e al Porto di Tropea. su tutti, i mercatini di Natale, ed il villaggio con giochi e luci per bambini animato nel parco giochi cittadino “Villa Ghirlanda”.

Il primo appuntamento è quindi per sabato 16 novembre in Piazza Ercole, con l’accensione delle luci d’artista, ed istallazioni di cinque, sette, undici metri nelle piazze e negli slarghi del centro, e le danze di Romin Dance e Kaos Ballet. Assente giustificata, per i lavori di rifacimento che prenderanno il via lunedì prossimo, piazza Vittorio Veneto. A vantaggio della dorsale corso e slarghi limitrofi. Dal 16 dunque e sino all’Epifania, apriranno i Mercatini di Natale, a cura dell’Associazione Giovani Tropeani. Luoghi deputati, piazza Tre Fontane e Largo Mercato. In contemporanea, il piano terra dell’Antico Sedile si trasformerà nella Casa di Babbo Natale, aperta ai bambini che vorranno conoscere da vicino il vecchio San Nicola, accolti dalla Pro Loco e dall’Associazione B&B OspitiAmo Tropea.

Ma non solo di luci e bambini si tratterà, in questo scorcio di 2019. Ad aprire la rassegna degli eventi culturali, il 20 novembre, la “Visita delle sette Chiese” organizzata dai Frati Minori. A seguire, il 25 novembre, l’evento “Una Panchina Rossa”, che vedrà il Comune affiancato dall’Istituto Superiore e dall’associazione S.O.S KORAI Onlus. Spazio anche ai seminari organizzati da Anthropos, ai concerti di Tropea Musica, all’edizione natalizia di “Teli tra i cieli”, realizzato da Plurale Femminile, al presepe vivente organizzato dal gruppo Folk Le Chiazzarole con il supporto di Antonella Mussari, con la riproposizione di antichi mestieri e scorci d’una Tropea che non c’è più: di grande suggestione, per i più piccini, “La notte delle Fiabe” notte bianca di racconti e ninne nanne organizzata da LaboArt a palazzo Santa Chiara: mentre ai più grandi e coraggiosi è riservata “La notte del mistero” che vedrà ancora LaboArt affiancata dall’associazione Libertas, (quest’ultima protagonista anche delle “Passeggiate culturali alla scoperta della Tropea natalizia”). “I Nostri giochi” riproporranno le iniziative del Gruppo Scout cittadino, mentre ben due zeppolate, una il 13 Dicembre (“Zeppolata e Tradizione” a cura degli chef Valentour) e l’altra con l’impegno dell’Istituto Alberghiero Cittadino e data da definire, soddisferanno i palati dei più golosi.

Una delle novità più attese farà il suo ingresso trionfale in città sabato 30 novembre: data per la quale, nel piazzale antistante l’Hotel Rocca Nettuno, verrà aperta una pista di pattinaggio sul ghiaccio fruibile da bambini e adulti. “Abbiamo pensato al primo Villaggio di Natale a Tropea come ad un grande contenitore aperto ad eventi multiculturali, capaci di attrarre un pubblico vasto, diverso per interessi e sensibilità, ma comunque disposto a riscoprire la bellezza della città – ha dichiarato la Pugliese – . Una risposta concreta a chi si chiude in casa o nei centri commerciali, con la scusa che d’inverno, durante le feste, a Tropea non c’è nulla da fare e che la colpa è di noi commercianti. Questo importante sforzo economico a vantaggio della città, è un segnale non polemico ma fattivo anche a quanti ci accusano di pensare solo ai guadagni estivi, disdegnando il periodo invernale perché poco remunerativo. Ecco: vogliamo dimostrare che non è così».

Anche Massimo Vasinton, Presidente Asalt, ha voluto ribadire che «Investire in cultura è un intervento strategico, che accresce la considerazione da parte dei nostri ospiti, stimola l’economia e crea ricchezza, facendo vivere il territorio 365 giorni l’anno».