All’Einaudi di Serra San Bruno la 17esima edizione del “Ristorante didattico”

Si rinnova l’iniziativa scolastica che quest’anno ha coinvolto anche gli studenti di altri istituti superiori sul tema “Valentine’s Day”
Si rinnova l’iniziativa scolastica che quest’anno ha coinvolto anche gli studenti di altri istituti superiori sul tema “Valentine’s Day”
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Si consolida l’attività del “Ristorante didattico” all’Istituto superiore Einaudi di Serra San Bruno. L’iniziativa è infatti giunta alla diciassettesima edizione con tematiche sempre diverse che hanno spaziato su vari argomenti. Ultima in ordine di tempo quella odierna che, data la concomitanza con il 14 febbraio, è stata denominata “Valentine’s day”, mentre, tra le tematiche affrontate in passato si ricordano la “Nouvelle Cuisine: Tributo al Maestro Gualtiero Marchesi (2018)”; “Il Galà delle Quinte” (2017) e altre ancora.

Molto importante, l’edizione attuale, anche a livello professionale con il coinvolgimento degli studenti dell’Ipseoa di Serra San Bruno e per la prima volta anche degli studenti dell’Ipseoa di Acquaro, che insieme hanno progettato e realizzato l’evento e per lo stesso hanno messo in tavola un menù di tutto rispetto.

«L’attività rientra – spiega il professor Francesco Angotti, coordinatore dell’area ex alternanza scuola-lavoro -, nei percorsi di competenza trasversale e orientamento (Pcto) ed è solo una parte del progetto complessivo. Gli studenti coinvolti, che frequentano il terzo, il quarto e il quinto anno per un complessivo di 210 ore, oltre al “ristorante didattico” partecipano a percorsi di formazione interna, formazione esterna, formazione e-learning, attività di catering e banqueting, tirocini e stage, percorsi di apprendistato e di borsa lavoro».

Il ristorante didattico è «un percorso di eccellenza che coinvolge in maniera trasversale studenti di più classi e le diverse discipline curriculari con un meccanismo di tutoraggio e gioco di ruolo. In pratica i docenti tutor costituiscono una squadra (“brigata” in gergo tecnico-professionale) di capi servizio e collaboratori di brigata, dove ai primi viene affidata l’intera progettualità: dal menù alla gestione del gruppo di lavoro e ai secondi l’esecuzione dei compiti assegnati. Certamente si è sempre in un ambiente didattico ma i ragazzi, ognuno per l’indirizzo di appartenenza, hanno saputo dimostrare professionalità e capacità organizzativa nei ruoli assegnati. Il ristorante didattico è un progetto complesso che oltre agli studenti, vede coinvolte tutte le figure scolastiche: dirigente scolastico, coordinatori di indirizzo, coordinatori area Pcto, tutor Pcto, docenti e personale Ata, che in maniera trasversale hanno permesso di “mettere a tavola” il menù Valentine’s day».

Informazione pubblicitaria