giovedì,Aprile 18 2024

La comunità di Sant’Onofrio accoglie il prefetto Francesco Zito

Il capo dell’Utg in visita istituzionale incontra amministratori, associazioni di volontariato e scuola: «Positivo il risveglio della collettività»

La comunità di Sant’Onofrio accoglie il prefetto Francesco Zito
Il prefetto Francesco Zito con il sindaco e i consiglieri comunali

Il prefetto di Vibo Valentia Francesco Zito è stato in visita alla comunità di Sant’Onofrio. Accolto in municipio dal sindaco Onofrio Maragò, dall’amministrazione comunale e dal personale, ma anche dal comandante dei carabinieri Domenico Fazzari, dal dirigente scolastico Raffaele Vitale, nonché da numerosi rappresentanti delle associazioni presenti e operanti nel comune. Il primo cittadino ha descritto al prefetto la situazione dell’ente, le tante problematiche ma anche le tante positività. Zito, dal canto suo, ha rappresentato il senso della sua visita e il ruolo che le Prefetture hanno a supporto degli enti locali.

Successivamente l’assessore Antonio Ferito ha esposto gli aspetti peculiari di tre importanti lavori pubblici di messa in sicurezza del territorio che interessano la collettività, mentre Maragò ha sommariamente descritto la strategia e gli interventi contemplati nel Contratto istituzionale di sviluppo che si sta predisponendo. Al termine degli interventi, il prefetto è stato omaggiato di un’opera del maestro Franco Petrolo, dipendente del Comune. [Continua dopo la pubblicità]

Zito riceve l’opera

Il prefetto è stato poi accolto nei locali del Centro di aggregazione “Falcone Borsellino” che ospitano una raccolta di documenti storici che sono stati illustrati dal presidente della cooperativa sociale di comunità Sant’Onofrio 3.0, Francesco Carchedi, che ne ha curato l’allestimento. La visita a Sant’Onofrio è continuata nel padiglione della scuola dell’infanzia con gli alunni che hanno intonato l’inno nazionale. La visita del prefetto si è conclusa presso i locali del Centro comunale per il volontariato che già ospita l’Associazione “L’isola che non c’è” e che a breve accoglierà, nei locali predisposti, il gruppo locale dei volontari di Protezione civile. Nel congedarsi il prefetto di Vibo Valentia ha sottolineato la sua soddisfazione nel trovare tante esperienze positive e la voglia di risvegliare il senso di comunità.

top