lunedì,Ottobre 18 2021

In cucina con lo chef, anche in casa. Una ricetta al giorno con Giuseppe Romano

Anche e soprattutto in quarantena, la buona cucina non deve affatto esser messa da parte. E dal Vibonese, arrivano le proposte dello chef del Me Restaurant di Pizzo Calabro: protagoniste indiscusse, le eccellenze della Calabria

In cucina con lo chef, anche in casa. Una ricetta al giorno con Giuseppe Romano

Con l’emergenza sanitaria in atto, stare a casa non è più una scelta: è diventato un imperativo, per la nostra e l’altrui salute. Ad imporcelo, oltre al buon senso ed all’educazione civile, anche un decreto ministeriale. Che sanziona penalmente chi infrange questa regola. I più saggi, e per fortuna sono la maggioranza, approfittano per riscoprire le buone pratiche domestiche: la riorganizzazione degli spazi, la lettura, il giardinaggio. Ma è la cucina la vera regina di queste giornate dal ritmo lentissimo.

La quarantena social

Lo chef Giuseppe Romano

I social moltiplicano foto e video di piatti tradizionali, golosi, consolatori e rassicuranti.  Molti Vip, si prestano di buon grado a proporre le loro ricette preferite. E i grandi chef omaggiano il loro esercito di followers postando i loro segreti su tutti i canali: da twitter a facebook, da instagram alle testate web.

E in Calabria?

In Calabria, nel vibonese lo chef Giuseppe Romano, (titolare insieme alla moglie Eleonora Marcello del Me Restaurant, Pizzo Calabro), approfitta della quarantena per proporre i suoi cavalli di battaglia, riveduti, corretti e semplificati, in modo da poter esser riproposti anche da casa, da tutti gli appassionati del prodotto tipico calabrese. Anche oggi, adottando le precauzioni necessarie, è possibile reperire tutte le materie prime necessarie ad una comoda sopravvivenza. E quindi, ecco una serie di ricette che nei prossimi giorni ci aiuteranno a rendere la permanenza domestica meno pesante.

Allacciate i grembiuli

«Questo periodo della nostra vita ci trova tutti chiusi in casa per sconfiggere l’epidemia da Covid-19: ma voglio proporre  una mia ricetta al giorno, con l’obiettivo di tenervi impegnati durante le vostre giornate casalinghe, e di suggerirvi nuove preparazioni, nuovi piatti. Quindi allacciate i grembiuli che #andràtuttobene», annuncia lo chef, membro dell’associazione “Ambasciatori del Gusto”, che prosegue-: si inizia con un piatto che si ispira all’antico, e ci fa riscoprire delle preparazioni che affondano le loro radici nella grecità: la lestopitta. Questo particolare tipo di pane deriva il suo nome dal greco Λεπτός (leptòs), sottile e πίτα (pita), pane: quindi, pane sottile (e non, come erroneamente riportato a volte “pane veloce”).

La Lestopitta con spada, gamberi, ricotta e ‘nduja

«In effetti – prosegue Romano – la sua preparazione è piuttosto semplice, ma non così veloce. È una sorta di focaccia, semplice, a base di acqua, farina, olio e sale, che viene fritta e servita calda, quando è ancora croccante, o arrotolata e farcita, una volta fredda e ammorbidita. È stata in qualche modo assimilata alla piadina, sebbene il procedimento di cottura sia diverso. La lestopitta ha certamente una derivazione greca e non soltanto nel nome. È  tipica di Bova Superiore, caratteristico paese in provincia di Reggio Calabria, situato sul versante orientale dell’Aspromonte. È ottima per accompagnare salumi e non solo – conclude lo chef: infatti io la utilizzo in questa versione con il pesce».

La preparazione

Gli Ingredienti della lestopitta sono: 200 g di semola di grano duro, 100 ml di acqua tiepida, un cucchiaio di olio di oliva, un cucchiaino di sale, olio d’oliva abbondante per la frittura. Questa, la preparazione: impastare a lungo e con forza gli ingredienti, fino ad ottenere una palla liscia e compatta. Coprirla con un tovagliolo e lasciarla riposare almeno un’ora. Dividere l’impasto in quattro pezzi, schiacciarli leggermente con le mani, poi ripiegare verso il centro i lembi esterni e arrotondarli, formando quattro palline. Questo procedimento serve ad incamerare aria all’interno di ogni impasto. Coprire e lasciare nuovamente riposare almeno un’ora. Scaldate abbondante olio in una padella e intanto stendete sottilmente le palline di impasto con il matterello. Immergete nell’olio le sfoglie ottenute. Se l’impasto è stato ben eseguito, le vedrete gonfiare e in questa fase cerchiamo di dargli la forma del tacos che poi andremo a farcire con gli ingredienti.

La farcitura

Per la farcitura: 150 gr di ricotta, 50 gr di nduja di spilinga, 200 gr. di pesce spada, 8 gamberi rossi di Capo Vaticano, 4 asparagi freschi, 1 cipolla cotta in acqua acidula, 80 gr di songino, 4 pomodorini tagliati a concassè, olio extra vergine q.b. Preparazione: lavorare la ricotta con la nduja, scottare in padella con un po’ di olio il pesce spada ed i gamberi, condire con il sale e comporre il piatto come da foto.

top