Briatico, l’Aido lancia la campagna “Adottiamo una famiglia”

Il sodalizio, dopo il recente caso di papà Giacomo, invita ad aiutare i propri vicini con gesti di concreta solidarietà
Il sodalizio, dopo il recente caso di papà Giacomo, invita ad aiutare i propri vicini con gesti di concreta solidarietà
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

L’Aido, Associazione italiana per la donazione degli organi sezione di Briatico lancia la campagna “Adottiamo una famiglia vicina”. L’iniziativa è stata pensata per dare aiutare, ciascuno nel proprio piccolo, le persone che vivono un momento di difficoltà anche a causa dell’emergenza coronavirus. Una fase che sta mettendo a dura prova anche chi, fino a questo momento, non necessitava di sostegni.

Attraverso l’appello del presidente Angela Frati e di Giuseppe Conocchiella, vicepresidente regionale nonché portavoce del Terzo settore della provincia, s’intende arrivare dove lo Stato non arriva: «Molti nuclei – fanno presente – non sono beneficiari dei buoni spesa. Basti pensare che sono esclusi quelli dove si percepisce il reddito di cittadinanza, Rei o altri sussidi. Ecco – rimarcano – l’invito è quello di guardare fuori dalle nostre porte ed essere solidali con le realtà più svantaggiate».

Nei piccoli centri, è facile venire a conoscenza delle situazioni sociali più drammatiche. Quanto emerso in recenti servizi tv, con la storia di papà Giacomo dalla vicina frazione Paradisoni, ha offerto ulteriore occasione di riflessione: «Chi ha la possibilità, con le dovute precauzioni, tenendo in considerazione distanziamento sociale e l’uso di guanti e mascherine, dia una mano. Anche una segnalazione al Comune di pertinenza oppure alle associazioni che operano sul territorio, possono fare la differenza».

Il messaggio lanciato sui social intende essere un invito ad aprirsi con generosità: «Se ognuno di noi, che è in condizioni economiche e di salute, aiutasse una famiglia vicina realmente bisognosa, il Covid-19 non creerebbe così tanta disperazione», concludono infine. L’appello, pubblicato sui social, è stato molto apprezzato dagli utenti.

Informazione pubblicitaria