Quattro Comuni vibonesi realizzano mascherine e ne donano 1400 alla Prefettura

Allestiti a Cessaniti, Pizzoni, Zambrone e Zungri dei veri e propri laboratori artigianali anche nei palazzi municipali. A coordinare il tutto l’associazione di Protezione civile Anpanagepa
Allestiti a Cessaniti, Pizzoni, Zambrone e Zungri dei veri e propri laboratori artigianali anche nei palazzi municipali. A coordinare il tutto l’associazione di Protezione civile Anpanagepa
Informazione pubblicitaria
La produzione delle mascherine
Informazione pubblicitaria
Una sarta al lavoro

di Antonio Fiamingo

I Comuni di Zungri, Zambrone, Cessaniti e Pizzoni, con il coordinamento dell’associazione di protezione civile Anpanagepa, hanno prodotto e donato 1.410 mascherine di protezione alla Prefettura di Vibo Valentia.

«La guerra al Covid-19 – si legge in una lettera congiunta indirizzata al prefetto Francesco Zito – ha amplificato positivamente il volto solidaristico delle nostre comunità ed i nostri comuni, nonostante le ataviche difficoltà, non si sono fatti trovare impreparati».

Stante la palese difficoltà nel reperire le mascherine, tramite l’ausilio dei volontari di Anpanagepa, sono stati allestiti dei veri e propri laboratori artigianali anche all’interno dei palazzi comunali, dove sono state realizzate centinaia di mascherine da donare gratuitamente. Il tutto grazie alla donazione della materia prima Tnt (tessuto non tessuto) da parte di aziende private, tra cui l’imprenditore Domenico Scarcia di Scarcia Arredamenti. Forte anche l’impegno volontario di privati cittadini, soprattutto sarte professioniste e non.

Gesti che hanno anche una valenza simbolica, nella speranza che possano essere da stimolo per altri volontari e aziende a continuare a fare solidarietà. Inoltre, nel mese di maggio, i laboratori di questi quattro comuni saranno nelle condizioni di fornire altre migliaia di mascherine.

Oltre alla donazione alla Prefettura, in precedenza sono state consegnate gratuitamente diverse migliaia di mascherine non solo all’interno dei comuni di riferimento, ma anche ai comandi di Polizia municipale di Mileto, Tropea e Rosarno e alla Polizia Penitenziaria di Vibo.

Informazione pubblicitaria