Sanità e decreto Rilancio, le proposte del Pd per rilanciare l’assistenza

In agenda l’incontro organizzato dal circolo cittadino con la partecipazione di esponenti politici, medici e personale sanitario
In agenda l’incontro organizzato dal circolo cittadino con la partecipazione di esponenti politici, medici e personale sanitario
Informazione pubblicitaria

Discutere del decreto Rilancio connesso alle attività e ai nuovi impegni cui è chiamata la sanità locale. È questo l’obiettivo dell’incontro promosso dal Partito democratico di Vibo Valentia per lunedì 8 giugno alle ore 10 nella sala consiliare della Provincia. Un incontro organizzato dal circolo guidato da Francesco Colelli per illustrare le proprie valutazioni e proposte in merito a quanto previsto dal decreto Rilancio che demanda alle Asp e alla Regione di predisporre e approvare entro 30 giorni i Piani di potenziamento e riorganizzazione della rete assistenziale territoriale.

«Una scelta importante – spiega Colelli – che colloca il territorio e l’assistenza domiciliare integrata al centro del sistema della sanità. Una idea strategica fondamentale che supera una concezione ospedalocentrica e impone alle Asp di aumentare l’attività di assistenza socio-sanitaria di prossimità prevedendo inoltre anche il monitoraggio e la cura dei malati Covid19 in isolamento domiciliare. Sono previsti interventi e risorse per aumentare i posti letto di terapia intensiva e sub intensiva, per ammodernare i pronto soccorso al fine di differenziare gli ingressi, per acquisto di ambulanze specifiche per il Covid, per assunzione di personale, per l’attivazione funzionale delle Unità speciali di continuità assistenziale (Usca)».

I lavori saranno coordinati da Colelli  e introdotti da Raffaele Mammoliti, esponente Pd iscritto al circolo di Vibo. Sono previsti gli interventi di Stefano Luciano capogruppo Pd al Comune di Vibo, il saluto del presidente della Provincia Salvatore Solano, e ancora gli interventi del segretario di federazione Enzo Insardà e il consigliere regionale Luigi Tassone. I lavori saranno conclusi dal parlamentare Antonio Viscomi. Sono stati invitati a portare il loro contributo il commissario dell’Asp, sindaci, operatori socio-sanitari,  rappresentanti di categoria, Ordine dei medici.

«L’intento – conclude la nota del Pd – è quello di provare a cogliere le opportunità previste dal decreto Rilancio per attrezzare al meglio le strutture e i presidii sanitari al fine di poter migliorare l’offerta delle prestazioni e dei servizi per tutti i cittadini».