«L’alta velocità qui non esiste, serve solo ad aumentare il costo dei biglietti»

Il Movimento 24 agosto ispirato dallo scrittore Pino Aprile organizza una manifestazione di protesta alla stazione di Vibo-Pizzo
Il Movimento 24 agosto ispirato dallo scrittore Pino Aprile organizza una manifestazione di protesta alla stazione di Vibo-Pizzo
Informazione pubblicitaria
La Stazione di Vibo-Pizzo

“Al Nord alta velocità, al Sud altRa velocità”. Lo slogan è già emblematico del senso della protesta che andrà in scena sabato 13 giugno alla stazione di Vibo-Pizzo. Ad organizzarla sono i circoli calabresi del “Movimento 24 Agosto – Equità Territoriale”, ispirato dallo scrittore Pino Aprile, che già hanno manifestato in altre stazioni della Calabria. L’obiettivo – affermano – «è sensibilizzare l’opinione pubblica circa l’inesistente alta velocità sulla tratta Salerno-Reggio Calabria. La presenza dei Frecciarossa – evidenziano – non deve trarre in inganno. Non c’è diminuzione dei tempi di percorrenza, considerato che l’alta velocità presuppone linee ferroviarie diverse da quelle esistenti ed un’infrastruttura di rete al momento assente. Ciò che è cambiato è il prezzo del biglietto, in aumento di oltre il 40%, perché paghiamo – concludono – per la presenza dei Frecciarossa».

LEGGI ANCHE: Alta velocità, il consiglio comunale si riunisce… alla stazione di Vibo-Pizzo
Alta velocità, tre nuove fermate in Campania: Vibo-Pizzo ancora fuori
Vibo Marina e Vibo Pizzo, stazioni (quasi) fantasma che sognano l’Alta velocità
L’alta velocità e la politica che dorme mentre le occasioni sfuggono