domenica,Maggio 9 2021

Castello di Bivona, l’operazione pulizia e il rischio di un nuovo oblio – Video

Pulizia straordinaria grazie alla collaborazione tra enti e associazioni. Un tesoro che puntualmente ripiomba nel degrado, ma l’intento è di renderlo fruibile già da luglio

Castello di Bivona, l’operazione pulizia e il rischio di un nuovo oblio – Video
Il castello di Bivona

Mariangela Preta, archeologa, è l’artefice dell’iniziativa che ha permesso di riscoprire un bene che molti disconoscevano: il castello di Bivona, immerso nel verde della campagna vibonese. Situato in una traversa della strada statale 522. Una fortezza di epoca medievale, che trasuda storia, ma che l’incuria aveva quasi cancellato.

Un sabato pomeriggio, capitanati dalla giovane archeologa, è arrivato un piccolo esercito di volontari che, attrezzi in mano, ha rimosso rovi e sterpaglie che ne impedivano l’accesso. Un intervento di pulizia straordinaria nato dalla collaborazione tra Retake Vibo, gli assessorati alla Cultura e all’Ambiente e le associazioni Augustus e Agriambiente. Sono così riaffiorati il viale e le quattro torri circondate da muri e fortificazioni.

Un bene che presto sarà fruibile a tutti. L’intenzione è infatti quella di riaprirlo entro luglio. Abbandonato. Dimenticato. Eppure negli anni sono state stanziate ingenti risorse pubbliche: più di un milione di euro è stato speso per il restauro e la sua fruizione. Ma nessuno, fino ad oggi, ha potuto beneficiare di questo prezioso sito archeologico.

top