Sinodo diocesano, conclusa a Mileto la seconda assemblea dei delegati

In cento presenti nella basilica cattedrale, gli altri hanno seguito i lavori in diretta streaming da casa
In cento presenti nella basilica cattedrale, gli altri hanno seguito i lavori in diretta streaming da casa
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Entra sempre più nel vivo il Sinodo “Una chiesa lieta di annunciare il vangelo”, iniziato nel 2017 nella diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea. Un triennio di confronto, dibattito e proposizione, nella prospettiva di una esponenziale crescita sinergica dell’azione pastorale, voluto da monsignor Luigi Renzo per porre al passo con i tempi il suo episcopato e per tracciare le basi per l’immediato futuro, e non solo. In questo contesto, nelle scorse ore all’interno della basilica cattedrale di Mileto si è svolta la seconda assemblea dei delegati, diversificata rispetto alla prima tenutasi nel gennaio scorso nell’Auditorium della parrocchia “Gesù Salvatore” di Vena di Jonadi. In conseguenza dell’emergenza sanitaria da Covid-19, infatti, in questa occasione si è ricorso ai moderni mezzi di comunicazione, per cui all’incontro presieduto nella chiesa madre della diocesi dal presule miletese – coadiuvato dal segretario diocesano don Enzo Varone – per garantire l’opportuno distanziamento tra le persone hanno potuto partecipare solo cento delegati, mentre i restanti hanno seguito i lavori da casa, grazie alla diretta streaming curata dall’associazione miletese “Iride Produzioni televisive e cinematografiche”.

La seconda assemblea è stata introdotta dal canto del “Veni creator Spiritus” e dalla preghiera per il Sinodo composta da monsignor Renzo. Subito dopo si è provveduto a sottoporre alla valutazione dei delegati i trentasei numeri del documento “La Chiesa, “casa e scuola” di comunione”, frutto del lavoro delle dieci commissioni appositamente istituite ad inizio percorso. Grazie ad un’apposita applicazione che ha permesso di prendere nota anche dei suggerimenti, tutti in tempo reale hanno potuto esprimere liberamente il proprio voto. Alla fine, dopo momenti di dibattito anche approfondito (ad esempio sul tema particolarmente sentito delle Unità pastorali), il documento è stato approvato dall’assemblea all’unanimità. I delegati, a questo punto, si sono dati appuntamento al prossimo 24 ottobre, data in cui è prevista la terza sessione del Sinodo diocesano.

Informazione pubblicitaria