A Vibo arrivano i banchi a rotelle ma gli studenti sono in Dad – Video

VIDEO - Sono 350, momentaneamente ammassati nei corridoi. Li ha ordinati il dirigente Scalamandré nel lotto di 430mila pezzi acquistati su indirizzo del ministro Azzolina. E nel pieno del secondo lockdown arrivano anche dieci collaboratori scolastici
VIDEO - Sono 350, momentaneamente ammassati nei corridoi. Li ha ordinati il dirigente Scalamandré nel lotto di 430mila pezzi acquistati su indirizzo del ministro Azzolina. E nel pieno del secondo lockdown arrivano anche dieci collaboratori scolastici
Informazione pubblicitaria

Sono arrivate anche al Liceo Capialbi di Vibo Valentia le tanto discusse sedie girevoli. Montate e ammassate momentaneamente nei corridoi, in attesa di essere sistemate nelle aule. L’attrezzatura innovativa voluta e acquistata dal ministro Azzolina che ha ordinato 2milioni di banchi monoposto e 430mila sedie girevoli, è dunque arrivata anche nella scuola superiore di Vibo il cui dirigente scolastico ne ha prenotate 350.

Peccato che nessuno studente, almeno per il momento, potrà utilizzarle vista la chiusura delle scuole per effetto del nuovo lockdown. Da più parti questi arredi sono stati definiti uno sperpero di denaro pubblico. Non la pensa allo stesso modo il preside Antonello Scalamandrè che difende il concetto europeo di fare  scuola.  

Eppure l’arredo scolastico, almeno in questa scuola, non era poi così vetusto. La maggior parte delle aule era già dotata di banchi e sedie prodotte in Svezia e recentemente acquistati dall’Istituto attraverso i fondi europei. Qualche vecchio banco è ancora presente. Presto sarà rottamato.

E non ci sono solo le sedie e i banchi. L’emergenza sanitaria  ha anche rafforzato  l’organico.  Al  liceo Capialbi, in particolare, sono arrivati  grazie al decreto “Rilancio” e al decreto “Agosto”, dieci nuovi collaboratori scolastici assunti a tempo determinato con il cosiddetto contratto Covid. Giovani pieni di entusiasmo e voglia di lavorare. Si danno da fare nonostante le aule siano mestamente vuote…