Operazione Strade sicure, il Comune di Ricadi ringrazia l’Esercito

Il sindaco Tripodi ha incontrato il comandante del Raggruppamento Calabria Tinelli. Per l’occasione è stato ricordato l’episodio in cui il caporalmaggiore Faga nell’estate scorsa ha soccorso in mare padre e figlio
Il sindaco Tripodi ha incontrato il comandante del Raggruppamento Calabria Tinelli. Per l’occasione è stato ricordato l’episodio in cui il caporalmaggiore Faga nell’estate scorsa ha soccorso in mare padre e figlio
Informazione pubblicitaria
Il sindaco insieme ad una delegazione dell'Esercito

Nell’ambito delle attività connesse all’operazione “Strade Sicure”, il Comandante del Raggruppamento “Calabria” dell’Esercito, colonnello Gianvito Tinelli, ha incontrato il sindaco di Ricadi, Nicola Antonio Tripodi.
«Nel corso della visita, avvenuta in Comune – si legge in un comunicato – il sindaco ha rievocato l’avvenimento, risalente alla scorsa estate, quando il caporal maggiore Pasquale Faga, in forza al 5° Reggimento Fanteria “Aosta” di Messina, non ha esitato a tuffarsi in mare per prestare soccorso ad un adulto e ad un bambino in evidente stato di difficoltà, aiutandoli a raggiungere la riva e fornendo loro assistenza fino all’arrivo dei soccorsi sanitari. Il sindaco Tripodi, nell’occasione, ha consegnato due targhe commemorative, una al caporal maggiore Faga in segno di riconoscenza da parte dell’Amministrazione comunale e della cittadinanza, e l’altra al colonnello Tinelli per l’impegno profuso dai militari nell’Operazione ‘Strade Sicure’». [Continua dopo la pubblicità]

«Il colonnello Tinelli, nel ricevere la targa di ringraziamento – si aggiunge nella nota – ha espresso la propria gratitudine al sindaco, confermando l’impegno della propria Unità al servizio della collettività, e sottolineando come le parole di apprezzamento per il lavoro svolto, anche in questo periodo di emergenza sanitaria, lusingano tutti gli uomini e le donne in divisa che fanno questo lavoro con esemplare spirito di servizio e spiccato senso del dovere, nel rispetto del giuramento prestato».