lunedì,Maggio 17 2021

Gratteri: «Mai messo in discussione l’impegno dei giudici»

Il procuratore di Catanzaro, dopo le polemiche scatenatesi con la sua intervista al Corriere della Sera, precisa la sua posizione a Il Fatto Quotidiano

Gratteri: «Mai messo in discussione l’impegno dei giudici»

«Non ho mai messo in discussione l’impegno dei giudici che, in contesti difficili come il nostro, svolgono la loro funzione con impegno e dedizione, o il valore fondamentale di una giurisdizione terza e imparziale». Lo afferma il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri in un’intervista pubblicata sul Fatto Quotidiano e che fa seguito alle prese di posizione delle Camere penali e di Magistratura democratica. «Non sono il depositario di alcuna verità», prosegue Gratteri, che respinge l’accusa di ‘giustizia a orologeria’ ricevuta all’indomani della perquisizione disposta dalla Dda di Catanzaro nei confronti del segretario dell’Udc Lorenzo Cesa.

«Sia io, sia i magistrati che lavorano nel mio ufficio -sostiene il Procuratore di Catanzaro – siamo pienamente convinti della bontà delle nostre richieste. Non è interesse dei magistrati colpire il politico ‘x’ o ‘y’ o lo schieramento ‘x’ o ‘y’. La magistratura tende all’accertamento della verità. E questo vale per me e per tutta la magistratura». Gratteri interviene, nell’intervista, anche sul cosiddetto ‘Sistema’ raccontato dall’ex presidente dell’Anm Luca Palamara.«La quasi totalità dei magistrati – dice – con quanto raccontato da Palamara non c’entra nulla.

La magistratura è composta prevalentemente da magistrati onesti il cui fine è solo quello di fare giustizia. Certo, c’è chi lo fa meglio, chi peggio, chi è più bravo chi meno, ma questo avviene nella nostra come in tutte le categorie. Quindi c’è anche una percentuale di disonesti, ma non superiore a quella delle altre categorie. Però molto più di altri facciamo pulizia, e lo facciamo in autonomia».

Articoli correlati

top