La Corte federale d’appello accoglie definitivamente il ricorso della Vibonese

Trovano così soddisfazione le ragioni della società rossoblù che ha da tempo ingaggiato una lunga battaglia giudiziaria dopo la retrocessione in Serie D dello scorso anno

Trovano così soddisfazione le ragioni della società rossoblù che ha da tempo ingaggiato una lunga battaglia giudiziaria dopo la retrocessione in Serie D dello scorso anno

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

La Corte federale d’appello, in accoglimento del ricorso proposto dalla società Vibonese Calcio, ha annullato la decisione del Tribunale federale che si era pronunciato a favore dell’Acr Messina, disponendo il posizionamento della società siciliana all’ultimo posto in classifica del campionato di Lega Pro, girone C, nella stagione sportiva 2016/2017. Trovano così accoglimento le ragioni della società rossoblù che ha da tempo ingaggiato una lunga battaglia giudiziaria in seguito alla (a questo punto ingiusta) retrocessione in Serie D nello scorso campionato. Il ritorno d’ufficio tra i professionisti attraverso la giustizia sportiva arriva in ogni caso dopo la promozione ottenuta con merito sul campo dalla Vibonese nella stagione appena conclusasi. Il pronunciamento della Corte federale d’appello lascia ora presupporre il riconoscimento di un risarcimento per l’ingiusta retrocessione a favore del club del presidente Caffo che nei giorni scorsi aveva ottenuto dal Tar l’accesso agli atti relativi alla fidejusione del Messina.    

Informazione pubblicitaria