Nuoto in acque libere, un successo il Grand Prix di Santa Maria di Ricadi

La baia del comprensorio di Capo Vaticano ha ospitato per la prima volta una tappa delle gare con atleti provenienti da tutta Italia. Soddisfazione dell’amministrazione comunale

La baia del comprensorio di Capo Vaticano ha ospitato per la prima volta una tappa delle gare con atleti provenienti da tutta Italia. Soddisfazione dell’amministrazione comunale

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il Grand prix Italia di nuoto in acque libere ha fatto tappa anche nel Vibonese. Ad ospitare l’importante manifestazione sportiva è stata la baia di Santa Maria di Ricadi, davanti ad una ampia cornice di pubblico. Una giornata all’insegna dello sport ma anche dell’aggregazione sociale organizzata dalla Federazione italiana nuoto con il Comune di Ricadi, la Rari Nantes Lamezia, alcune associazioni di volontariato locali, il Coni ed il supporto di molte aziende del posto. Alle gare di mezzofondo sulla distanza dei 3 km e 1 miglio nautico hanno partecipato oltre 130 atleti di molte società sportive iscritte Fin, regionali e nazionali (alcune provenienti infatti da Lombardia, Liguria, Marche, Basilicata). Per la prima volta, quest’anno il Comune di Ricadi ha ospitato una tappa dell’importante evento, definita anche dal presidente regionale Fin come, insieme a quella di Cirella e di San Nicola Arcella, «una location strategica e un momento importante di sport, di aggregazione sociale e soprattutto di promozione di un territorio e delle sue eccellenze enogastronomiche quale è il territorio di Ricadi Capo-Vaticano», e inoltre un momento di visibilità per tutta la Regione Calabria nell’ambito del mondo del nuoto agonistico. 

Informazione pubblicitaria

Testimonianza delle positività dell’evento, pur alla sua prima edizione, il gran numero di atleti che con entusiasmo hanno partecipato oltre ogni più rosea aspettativa e conferma che nuotare in questa cornice da sogno è stato per molti un sogno che si realizza. L’evento di Ricadi rientra tra le manifestazioni sportive in acque libere previste in tutte le province calabresi nell’ambito del progetto “Tra cielo ed acqua – I valori del nuoto”, co-finanziato dalla Regione Calabria ed ideato e coordinato dalla Fin Calabria.

«All’iniziativa – ha spiegato il vicesindaco di Ricadi Patrizio Cuppari – hanno preso parte anche associazioni del terzo settore coinvolgendo direttamente ragazzi diversamente abili in una nuotata in acque libere. Il patrocinio del Coni premia quindi lo sforzo organizzativo messo in piedi dal Comune di Ricadi, per portare a compimento l’evento sportivo e premia anche il grande spirito collaborativo e partecipativo messo in campo dalle associazioni di volontariato operanti sul territorio che hanno subito risposto entusiaste all’invito inoltrato loro dall’amministrazione comunale».

Per scaricare la classifica sui 3 km CLICCA QUI. Per scaricare la classifica sul miglio CLICCA QUI.