È “Vibonese mania”: anche il sindaco Limardo vuole abbonarsi

Il delegato allo Sport Putrino: «Richiesta encomiabile». Plauso anche al consigliere Miceli, che aggiunge: «Spero che tutti seguano l’esempio»

Il delegato allo Sport Putrino: «Richiesta encomiabile». Plauso anche al consigliere Miceli, che aggiunge: «Spero che tutti seguano l’esempio»

Informazione pubblicitaria

La politica cittadina dalla parte delle bandiere rossoblu. Il sindaco Maria Limardo ha chiesto infatti di ottenere l’abbonamento numero uno per la prossima stagione calcistica della Vibonese, che milita nel campionato di Lega Pro. Per il consigliere delegato allo Sport, Rino Putrino, si tratta di una richiesta «encomiabile in un’ottica di vicinanza alla squadra del presidente Caffo, che insieme al direttore generale Beccaria, si adopera per tenere alto il nome della città in un contesto nazionale. Altrettanta soddisfazione esprimo poi per la proposta della settimana scorsa in quinta commissione, dal consigliere Marco Miceli, che ha invitato tutti i consiglieri della città e i componenti della Giunta, ad acquistare l’abbonamento alle partite per il campionato di calcio di Lega Pro della Vibonese per la stagione calcistica 2019-2020. L’iniziativa del sindaco e della commissione, alla proposta di Miceli, dal sottoscritto condivisa e supportata, non è soltanto encomiabile da un punto di vista sportivo e del tifo cittadino per i colori rossoblu; ma riveste anche carattere sociale, nella misura in cui è desiderio di tutti noi chiedere alla società che il 20% della cifra incassata possa essere rivolta all’acquisto di un defibrillatore da utilizzare per le esigenze collettive di tutta la comunità vibonese».

Il consigliere Marco Miceli, che ha lanciato la proposta, ringrazia il collega Putrino e il sindaco: «Ho ritenuto opportuno fare questa proposta perché credo sia doveroso per chi ha il privilegio di amministrare Vibo Valentia sostenere e promuovere lo sport e le iniziative socio-culturali della città. Spero che anche il presidente Caffo accolga favorevolmente la mia proposta di devolvere una piccola parte del ricavato all’acquisto di un defibrillatore e mi auguro che tutti gli altri amministratori aderiscano alla mia proposta».