Vibonese ko con la Reggina, ma dal “Granillo” esce a testa alta – Video

Amaranto molto concreti e cinici nel chiudere la gara, grazie a due marcature entrambe ispirate da Reginaldo. Infortunio per Doumbia. Per i rossoblu indicazioni incoraggianti per le prossime gare
Amaranto molto concreti e cinici nel chiudere la gara, grazie a due marcature entrambe ispirate da Reginaldo. Infortunio per Doumbia. Per i rossoblu indicazioni incoraggianti per le prossime gare
Informazione pubblicitaria

Tre vittorie su tre match casalinghi e la certezza che il “Granillo” è ormai un fortino difficile da espugnare per chiunque. La Reggina piega la resistenza della Vibonese con un gol per tempo ed archivia la pratica del derby senza troppi affanni, controllando agevolmente una gara che, pure, gli ospiti hanno interpretato con grande generosità. Il tecnico della Vibonese, Modica, presenta la sua squadra con un offensivo 4-3-3, figlio di una impostazione di gioco ereditata dal suo maestro Zdenek Zeman. Toscano, invece, è costretto a rinunciare a Denis che, però, appare quasi interamente recuperato.

Informazione pubblicitaria

L’inizio di gara degli amaranto è scoppiettante già nei primi minuti. Al 5’ è una punizione di Bellomo a far tremare il portiere Greco. Passano soltanto sei minuti e la Reggina mette a segno il primo gol. Tutto nasce da un calcio d’angolo sui cui sviluppi si avventa Reginaldo che, con un colpo di tacco, sorprende la difesa ospite. Malberti devia a sua volta il pallone, ancora una volta di tacco, insaccando alle spalle del proprio portiere. È un vantaggio che galvanizza alla grande gli uomini di Toscano che continuano a provare con insistenza la via del gol. Al 26’ arriva, però, una doccia fredda: Doumbia, appena rientrato da un infortunio, è costretto a lasciare il campo per un altro problema fisico. Al suo posto entra il bomber Corazza. La prima frazione di gioco scivola via senza grandi sussulti, con un refrain abbastanza scontato: Reggina a fare forcing per mettere il risultato al sicuro e Vibonese costretta a cercare ripartenze per sorprendere gli amaranto. Su uno di questi capovolgimenti di fronte, è bravo De Rose ad intercettare un pallone che rischia di trasformarsi in pericolo serio per la retroguardia reggina.

Fine del primo tempo ed applausi a scena aperta per Toscano ed i suoi ragazzi. Loro, dopo un quarto d’ora di riposo, ricambiano quasi immediatamente. Basta un minuto a Corazza per siglare il raddoppio. L’azione parte da Garufo che trova Reginaldo nel cuore dell’area di rigore della Vibonese. Il brasiliano, con un numero dei suoi, permette a Corazza d’insaccare per il due a zero che taglia le gambe alla Vibonese. È tempo di cambi da entrambe le parti, ma l’inerzia della partita non muta: Reggina a controllare e Vibonese volenterosa nel cercare qualche soluzione offensiva che possa riaprire la gara. Bastano quattro minuti di recupero per decretare una vittoria che lancia ancora di più la Reggina nell’orbita dell’alta classifica, in attesa del big match di mercoledì a Terni. Per la Vibonese, quattro punti in cinque partite ed una classifica assolutamente da muovere. Mercoledì occasione propizia, in casa, contro l’Az Picerno, per concretizzare quanto di buono fatto vedere oggi al “Granillo”.

Consolato Minniti

REGGINA-VIBONESE 2-0

Marcatori: 11′ aut. Malberti, 46′ Corazza

Reggina (3-5-2): Guarna; Loiacono, Bertoncini, Rossi; Garufo, Bianchi (78′ Sounas), De Rose (46′ Salandria), Bellomo, Rubin (58′ Bresciani); Reginaldo (58′ De Francesco), Doumbia (26′ Corazza). A disposizione: Farroni, Lofaro, Blondett, Gasparetto, Marchi, Paolucci, Rivas. Allenatore: Toscano.

Vibonese (4-3-3): Greco; Ciotti, Redolfi, Malberti, Tito; Tumbarello (92′ Maniscalchi), Petermann (78′ Pugliese), Prezioso (78′ Rezzi); Emmausso (46′ Berardi), Bernardotto, Bubas (87′ Allegretti). A disposizione: Mengoni, Quaranta, Del Col, Di Santo, Gualtieri. Allenatore: Modica.

Arbitro: Marco D’Ascanio di Ancona (Alessandro Pacifico di Taranto e Marco Trinchieri di Milano).

Note – Spettatori 8869, di cui 121 ospiti. Ammoniti: De Rose (R), Prezioso (V), Berardi (V), Malberti (V). Calci d’angolo: 7-5. Recupero: 2’pt;