Calcio a 5 femminile, Vibo alza al cielo la Coppa Italia Calabria

Dopo tanti tentativi, la squadra del presidente Cristian Liotti porta a casa l’ambito trofeo dopo un percorso ostico ma esaltante

Dopo tanti tentativi, la squadra del presidente Cristian Liotti porta a casa l’ambito trofeo dopo un percorso ostico ma esaltante

Informazione pubblicitaria
La premiazione del Vibo calcio a 5

Questa volta Vibo ci riesce e porta a casa la Coppa Italia Calabria. Un percorso insidioso culminato in una finale molto combattuta sul campo ostico dello Spezzano Albanese. Una gara a tratti dominata, a tratti in bilico, dalla quale la squadra del presidente Cristian Liotti è uscita infine vittoriosa con il risultato di 5-4.

Dopo un avvio equilibrato, quasi risicato da entrambe le compagini che hanno provato a studiarsi, a farsi avanti è stato lo Spezzano mettendo in difficoltà le avversarie e passando in vantaggio. Ma la squadra guidata da mister Fuscà è stata subito richiamata all’ordine e, detto fatto, ecco il gol del pareggio.

Negli ultimi minuti di recupero della prima frazione di gioco, Vibo ha ribalta completamente il risultato riportandosi in vantaggio. Lo svantaggio ha ulteriormente scosso le locali che hanno poi aperto la seconda frazione sulla falsa riga del primo. Ma Vibo non cede e cala il pokerissimo. La partita sembra ormai chiusa. Ma il cambio necessario destabilizza le ospiti e come, nel calcio, anche nel futsal la parola fine viene messa solo al triplice fischio.

Lo Spezzano alza nuovamente il pressing e in pochi minuti accorcia le distanze. Mister Fuscà, a pochi minuti dalla fine, ripristina il quintetto iniziale controllando il vantaggio seppur minimo aspettando il triplice fischio per alzare la tanto attesa e meritata coppa.

Così il presidente del Vibo Calcio a 5 Cristian Liotti a fine gara: «Partita sul 5-1 dominata. Dopo il cambio del portiere abbiamo rischiato ma era giusto far giocare tutti e dare merito a chi si è impegnato alla preparazione della Coppa che volevamo fortemente e che siamo riusciti a portare a casa».