Ciclismo, a Mileto arriva il trofeo originale del Giro d’Italia 2020

L’opera verrà custodita per tutto il mese di dicembre nei locali del museo. A portarla in città, il direttore tecnico della nazionale Davide Cassani
L’opera verrà custodita per tutto il mese di dicembre nei locali del museo. A portarla in città, il direttore tecnico della nazionale Davide Cassani
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Appuntamento da non perdere, nel prossimo mese di dicembre a Mileto. Il 17 nella cittadina normanna giungerà il trofeo originale che sarà consegnato al vincitore del Giro d’Italia, edizione 2020. A portarlo sarà il direttore tecnico della nazionale ciclistica italiana Davide Cassani, nel corso di una cerimonia che, tempo permettendo, lo vedrà percorrere corso Umberto affiancato da decine di corridori in “erba”. Il trofeo rimarrà a Mileto sino a tutto il mese di dicembre, nell’ambito di una corsa rosa che il prossimo 15 maggio prevede una tappa proprio con partenza dall’urbe prescelta nell’anno mille da Ruggero I d’Altavilla come capitale della propria contea, sorta di regalo alla sua città dell’ex presidente della Federazione ciclista regionale Mimmo Bulzomì. Il prezioso cimelio sarà ospitato all’interno del locale Museo statale diretto da Faustino Nigrelli, per essere ammirato gratuitamente da chiunque lo vorrà. La cerimonia prevede la consegna del trofeo, da parte di Cassani, al vescovo della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea monsignor Luigi Renzo, presidente dell’apposito comitato organizzatore, il quale, a sua volta, in una sorta di staffetta lo porrà nelle mani dei dirigenti della struttura di pertinenza del Polo museale della Calabria guidato da Antonella Cucciniello.

All’evento dovrebbero partecipare anche le massime istituzioni politiche, civili e militari della Calabria, tra cui il segretario della direzione regionale del Mibact Salvatore Patamia. In attesa dell’arrivo del “trofeo senza fine”, intanto a Mileto martedì 26 novembre giungerà una delegazione del Giro d’Italia per gli opportuni sopralluoghi, ulteriore step in vista dell’atteso appuntamento clou del 15 maggio.

Informazione pubblicitaria