Vela d’altura, a Vibo Marina la prima tappa del Campionato del Tirreno meridionale

Nello specchio d’acqua tra il porto e Pizzo si è tenuta la prima regata della seconda manche della competizione. L'appuntamento è stato promosso dal Circolo velico Santa Venere

Nello specchio d’acqua tra il porto e Pizzo si è tenuta la prima regata della seconda manche della competizione. L'appuntamento è stato promosso dal Circolo velico Santa Venere

Informazione pubblicitaria

Si ricomincia a regatare nel mare di Vibo Marina. Si è tenuta domenica scorsa, infatti, la prima regata della seconda manche del Campionato del Tirreno meridionale vela d’altura organizzato dal Circolo velico Santa Venere.

Spettacolare la vista delle numerose vele nelle acque antistanti Vibo Marina e Pizzo dove ha avuto luogo, come fanno sapere gli organizzatori, una «regata molto tecnica e con molte difficoltà legate alle bizze del vento che stentava ad arrivare e soggetto a variazioni di direzione. Infatti, dopo un avvio di regata con vento debole, le imbarcazioni in gara hanno dovuto lottare con salti di vento e momenti di bonaccia».

La regata si è comunque conclusa con soddisfazione per i regatanti e gli organizzatori. La dodicesima edizione del Campionato vede coinvolti equipaggi provenienti anche da altre regioni. Soddisfazione è stata espressa dal presidente del Circolo velico Santa Venere, Gianfranco Manfrida, che ha inoltre tracciato il punto sulle attività dell’associazione sportiva: «E’ da diversi anni che organizziamo eventi sportivi in armonia con la vocazione marinara di Vibo Marina. Regate d’altura ma anche numerosi corsi di vela rivolti ai ragazzi. Anche quest’anno poi – ha aggiunto – la Federazione italiana vela ci ha assegnato una tappa del campionato italiano vela, la “Cyclops route”, regata importante sia per il campo di regata che per il numero dei partecipanti».

La “Rotta dei ciclopi”, che prevede partenza e arrivo a Vibo Marina dopo aver raggiunto e aggirato le Isole Eolie, rappresenta per Manfrida un «evento importante per il territorio, con valenza sportiva ma anche turistica. Una buona occasione per far conoscere e valorizzare un territorio ricco di bellezze naturali».

Attività dunque consolidata, quella del Circolo velico Santa Venere, resa possibile negli anni «grazie all’impegno di imprenditori ed operatori del settore. Non possiamo mancare di riconoscere il fondamentale supporto dei pontili di Vibo Marina – continua il presidente – che in tutti questi anni ci hanno dato supporto in tutte le attività, ospitando gratuitamente e anche per lunghi periodi le numerose barche partecipanti ai campionati. A tutti gli imprenditori che ci hanno sostenuto ed hanno reso possibile la realizzazione degli eventi. A loro la nostra gratitudine. Non da ultimo, va sottolineato come la presenza di numerosi regatanti, contribuisce ad aiutare l’ economia locale».

Altri appuntamenti con la vela sono in programma con regate a marzo, ad aprile e, a conclusione del campionato, a maggio. A giugno, infine, è previsto l’arrivo a Vibo Marina degli equipaggi provenienti da Napoli a conclusione della regata delle Torri Saracene, tappa del campionato italiano di vela “Cyclops route”.