Superlega, Vibo travolge Latina e resta in corsa per i play-off (HIGHLIGHTS E INTERVISTE)

Bella vittoria in quattro set nell’ultimo turno casalingo di regular season. Decisiva la prossima sfida contro Ravenna (+3 in classifica): una vera e propria finale da “dentro o fuori”. Marra (Mvp): «Andiamo a giocarcela a viso aperto»

Bella vittoria in quattro set nell’ultimo turno casalingo di regular season. Decisiva la prossima sfida contro Ravenna (+3 in classifica): una vera e propria finale da “dentro o fuori”. Marra (Mvp): «Andiamo a giocarcela a viso aperto»

Informazione pubblicitaria
L'esultanza di Vibo in campo contro Latina

Ritorna alla vittoria nell’ultimo turno casalingo di regular season la Tonno Callipo Calabria conquistando contro la rivale Top Volley Latina un 3-1 che parla di una partita intensa e combattuta che Vibo si mostra determinata a vincere fin dal primo set, recuperato da una situazione sfavorevole. Una vittoria quella dei vibonesi che tiene in vita le speranze dell’accesso ai play-off scudetto. Vibo se lo giocherà nell’ultima di regular season (sabato alle 18), in una sorta di spareggio contro la Bunge Ravenna che la precede di tre punti all’ottavo posto in classifica. Se la Tonno Callipo dovesse vincere da tre punti aggancerebbe la squadra di Soli a quota 32 punti, ma sarebbe ottava per via della vittoria in più conquistata rispetto ai romagnoli.

La serata del Palavalentia. Una bella partita di pallavolo tra le due squadre e una serata contrassegnata dalla festa della solidarietà in campo con la presenza di due importanti realtà associative: l’Asd Lucky Friends di Lamezia Terme e l’Aipd sezione di Vibo Valentia. Tantissimi bambini e giovanissimi presenti al Pala Valentia questa sera che sono stati i protagonisti insieme ai giocatori delle due squadre all’ingresso in campo delle due compagini. E poi ancora: la targa ricordo consegnata dai due presidenti della Lucky Friends, Rosario Cortese e Pasquale Cimino, alla Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia, rappresentata dal supervisore generale Michele Ferraro.

La partita. I giallorossi di coach Kantor disputano una gran partita trascinati da Geiler (per il francese 17 punti e soprattutto 6 ace), Michalovic (22 punti) e dal migliore in campo Davide Marra, risoluto in ricezione e reattivo in difesa. Latina sprecona: nel primo e terzo set dilapida un larghissimo vantaggio e così la squadra di Bagnoli abbandona il sogno play-off scudetto. Non basta la grande prestazione dei centrali Gitto e Rossi.

Partenza in salita per Vibo che in avvio di primo set va sotto 2-8. Latina arriva ad allargare il divario di ben dieci punti (6-16). Due ace di Geiler un muro di Costa riportano Vibo ad un distacco ragionevole (14-18). È la spinta decisiva: la Tonno Callipo ricuce un altro break di svantaggio (17-19) e impatta poi sul 20-20. Parità che si protrae ancora con Latina prima al set-point e Michalovic che annulla la palla del set portando il parziale ai vantaggi. Palla set anche per Vibo su impulso di Michalovic 26-25 e chiude sempre lo slovacco a muro, 27-25.

Galvanizzata dal primo set messo al sicuro, il gioco di Vibo si fa più efficace. Giallorossi in vantaggio 8-6 mantengono e incrementano lo scarto in attacco sul 16-13. Il finale del secondo set è infuocato: Callipo al set-point con il mani e fuori di Michalovic. Vantaggio vanificato dall’errore di Geiler che rimanda il verdetto ai vantaggi. Serrato botta-risposta: il muro di Diamantini al termine di un’azione lunga e spettacolare rilancia Vibo sul 28-27 e l’ace esplosivo di Barreto Silva chiude il set 29-27.

Soffre Vibo nel terzo set. La Tonno Callipo va sotto 1-5 in avvio e Kantor ferma il gioco. Non cambia però la piega del set e Latina allunga inesorabilmente il passo sul 4-12. Barreto Silva svetta sotto rete e mette a terra la palla dell’8-14, Geiler ci mette del suo dai nove metri (9-14) e Bagnoli richiama i suoi in panchina. In campo fa il suo ingresso Rejlek. Latina non molla però la presa e Maurotti porta i suoi al set-point sul 18-24. Vibo annulla due palle set ma a chiudere sono i laziali (20-25).

Altrettanto combattuto il quarto parziale che s’infiamma poi nel finale quando la Callipo guadagna un break di vantaggio con Geiler (21-19). È Michalovic a portare Vibo al match-point. L’attacco out di Fei decide la gara (25-23).

Il tabellino della gara:
Tonno Callipo Vibo 3
Top Volley Latina 1
(27-25, 29-27, 20-25, 25-23)

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Coscione 3, Geiler 17, Costa 9, Michalovic 22, Barreto Silva 19, Diamantini 9, Torchia (L), Marra (L), Rejlek 1, Barone, Izzo. Non entrati: Alves Soares, Maccarone, Corrado. Allenatore: Kantor.

TOP VOLLEY LATINA: Sottile 1, Maruotti 14, Rossi 16, Fei 17, Klinkenberg 13, Gitto 14, Fanuli (L), Strugar, Ishikawa (L), Pistolesi, Penchev. Non entrati: Quintana Guerra. Allenatore: Bagnoli.

ARBITRI: Cipolla e Tanasi.

NOTE: Spettatori 600, incasso 1100. Durata set: 27’, 32’, 23’, 28’, tot.: 110’. Mvp: Marra

La voce dei protagonisti:
Davide Marra (Tonno Callipo Calabria): «I tre punti conquistati ci danno la possibilità di giocarci tutto a Ravenna. Siamo partiti male, ma Latina è una grande squadra che ha mantenuto sempre un livello di gioco altissimo. Faccio i complimenti alla squadra perché ci abbiamo sempre creduto. Ora andiamo a viso aperto a Ravenna per dare tutto quello che abbiamo».

Andrea Rossi: (Top Volley Latina): «Non riesco a capire cosa sia successo nel primo set dove eravamo avanti di dieci punti. Abbiamo sprecato tante occasioni in questa partita così come del resto in questa stagione dove soprattutto nella prima parte abbiamo fallito in molte occasioni di fare punti. E’ un peccato, siamo delusi perché stavamo giocando bene. Ora ripartiamo per i prossimi obiettivi».

Classifica 13a giornata
Cucine Lube Civitanova 64, Diatec Trentino 59, Sir Safety Conad Perugia 59, Azimut Modena 50, Calzedonia Verona 50, LPR Piacenza 40, Gi Group Monza 34, Bunge Ravenna 32, Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 29, Top Volley Latina 26, Exprivia Molfetta 25, Biosì Indexa Sora 20, Kioene Padova 19, Revivre Milano 15.

Note: 1 Incontro in meno: Cucine Lube Civitanova, Azimut Modena.