Vibo calcio a 5, si dimette l’allenatore Dario Maccarrone

La scelta del tecnico comunicata la vigilia di Natale e all’indomani della sconfitta contro Soverato che ha messo a nudo le incomprensioni dello spogliatoio
La scelta del tecnico comunicata la vigilia di Natale e all’indomani della sconfitta contro Soverato che ha messo a nudo le incomprensioni dello spogliatoio
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Ha rassegnato le sue dimissioni la vigilia di Natale. Dario Maccarone non è più l’allenatore della Vibo Calcio a 5, squadra che milita nel campionato regionale di Serie C1. A renderlo noto la società che in una breve nota ha ringraziato il tecnico «per il lavoro svolto augurandogli le migliori fortune in campo professionale ed umano». Era stato lo stesso Maccarrone poi ad annunciare la sua scelta attraverso i social affermando, rivolto alla squadra, «sarò sempre uno dei primi tifosi. Sarai sempre nel mio cuore. Avevo accettato con grandissimo entusiasmo ed a malincuore ti lascio. Certi amori non finiscono, è vero. Ma certi altri si. Lascio una squadra che sicuramente raggiungerà gli obiettivi prefissati ad inizio stagione non prima di aver ringraziato Giuseppe De Siena che mi ha contattato, Mimmo Lo Bianco che mi ha fortemente voluto e la dirigenza tutta. Grazie sempre a Daniele Barbagallo che ha fatto un lavoro straordinario come preparatore dei portieri, Pino Campagna per le splendide immagini che mi ha regalato e Maria Chiara Sigillò che mi ha dedicato tempo. Ci saranno altre primavere. In bocca al lupo ai ragazzi che sicuramente verranno valorizzati da un mister all’altezza della situazione». La decisione, maturata dopo l’ultima pesante sconfitta rimediata contro Soverato, giunge a pochi giorni dal quadrangolare che, sabato 28 a partire dalle ore 15 vedrà in campo al PalaPace di Vibo la formazione vibonese insieme ad Enotria Città di Catanzaro, Virtus Sbs e Natural Futsal. Discreto il ruolino di marcia della squadra in campionato con 5 vittorie su 13 gare che la vedono attestarsi a metà classifica. Nell’ultimo periodo, tuttavia, nello spogliatoio rossoblù sarebbero emerse incomprensioni che avrebbero minato l’equilibrio nel rapporto tra tecnico e giocatori e che avrebbero infine indotto l’allenatore, responsabilmente a fare un passo indietro. «Credo che sia stata fin oggi una stagione in cui il gruppo con a capo il mister potesse e dovesse fare di più – ha riferito ancora Maccarrone -. Quindi per dare un impulso ed uno stimolo all’ambiente ho preferito mettermi da parte. Per rispetto ed i sacrifici che la società ha fatto per guadagnare questa categoria».

Informazione pubblicitaria