Volley, la Tonno Callipo si arrende alla forza di Itas Trentino – Video

I giallorossi escono sconfitti ma a testa alta dalla trasferta contro una delle squadre più quotate della Superlega. Cichello: «Il risultato ci penalizza»
I giallorossi escono sconfitti ma a testa alta dalla trasferta contro una delle squadre più quotate della Superlega. Cichello: «Il risultato ci penalizza»
Informazione pubblicitaria
Aboubacar in attacco
Informazione pubblicitaria

Era difficile ribaltare il pronostico, ma era importante non rimetterci la faccia. E la Tonno Callipo è uscita dalla Blm gropu Arena a testa alta, sconfitta ma con onore dai pluripremiati campioni di Trento. Quello che ha convinto di più della squadra di coach Cichello è senza dubbio il temperamento con cui ha condotto la gara dimostrando di tenere bene il campo per tutto il match, sfiorando la clamorosa rimonta nei primi due parziali, vincendo nettamente il terzo e cedendo solo allo sprint finale anche il quarto periodo. Nel corso del match i calabresi sono riusciti a tratti ad impensierire i padroni di casa, bravi a venirne fuori grazie ad una straordinaria fase difensiva. Trascinatori del gruppo l’americano Defalco (best scorer con 22 punti) e il brasiliano Abouba (17 punti). La Tonno Callipo si presenta con Baranowicz al palleggio, Aboubacar opposto, Carle e Defalco schiacciatori, Mengozzi e Chinenyeze al centro, Rizzo libero. Lorenzetti schiera nell’altra metà campo i sette giocatori visti durante tutta la partita di giovedì a Monza.

L’avvio del primo set è all’insegna della parità (5-5) ma ci pensano i padroni di casa a premere sull’acceleratore per opera di Grebennikov con una strepitosa azione difensiva e poi con Russell (7-5, 9-6). La Tonno Callipo non demorde e recupera immediatamente con un prolifico Abouba (9-9) e sfruttando un muro di Chinenyeze su Candellaro ed un errore dello stesso martello sloveno. Vibo tiene ancora il passo ai trentini fino a quando Vettori (cambiopalla e break point) e Russell (muro su Aboubacar) riportano in fuga i gialloblù. Alla ripresa l’Itas Trentino non cala la concentrazione, i calabresi accorciano le distanze fino al 24-23. Un errore in ricezione di Abouba consegna il set ai padroni di casa (25-23). Il copione si ripete nel secondo set. La reazione dei calabresi si materializza in avvio di terzo periodo; l’Itas Trentino viene travolta da una Tonno Callipo efficacissima a muro ed in contrattacco, guadagnando il terzo set. Trento però riordina le idee e riparte di slancio nel quarto e ultimo set che fissa il punteggio sul 25-21 e 3-1 finale.

Ecco il commento di coach Juan Manuel Cichello a fine gara: «È un risultato che ci penalizza, perché abbiamo realizzato più punti dei nostri avversari. Non abbiamo mosso la nostra classifica, ma abbiamo giocato molto bene in attacco, in particolar modo nei primi due set. Il servizio ci ha penalizzato oltremodo, ma sono contento di come ci siamo mossi in campo per tutta la gara».

Itas Trentino-Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 3-1 (25-23, 25-23, 13-25, 25-21)
ITAS TRENTINO: Candellaro 7, Vettori 14, Cebulj 10, Lisinac 5, Giannelli 3, Russell 12, Grebennikov (L); Daldello, Sosa Sierra 4, Djuric, Codarin 2. N.e. De Angelis e Kovacevic.  All. Angelo Lorenzetti.
TONNO CALLIPO CALABRIA: Defalco 22, Chinenyeze 7, Aboubacar 17, Carle 6, Mengozzi 8, Baranowicz 3, Rizzo (L); Vitelli, Hirsch 1, Ngapeth 6, Marsilli. All. Juan Manuel Cichello.
ARBITRI: Puecher di Padova e Caretti di Roma.
DURATA SET: 32’, 29’, 26’, 27’; tot 1h e 54’.
NOTE: 3.339 spettatori, per un incasso di 27.469 euro. Itas Trentino: 9 muri, 2 ace, 15 errori in battuta, 6 errori azione, 44% in attacco, 53% (26%) in ricezione. Tonno Callipo Calabria: 11 muri, 2 ace, 25 errori in battuta, 5 errori azione, 54% in attacco, 44% (17%) in ricezione. Mvp Grebennikov.

Informazione pubblicitaria