Un vibonese alla maratona di Roma, bella prova per Antonino La Torre

L’atleta tesserato con l’Atletico San Costantino Calabro tra i 16mila podisti ai nastri di partenza della storica competizione della Capitale. Raggiante il presidente del sodalizio Raffaele Mancuso

L’atleta tesserato con l’Atletico San Costantino Calabro tra i 16mila podisti ai nastri di partenza della storica competizione della Capitale. Raggiante il presidente del sodalizio Raffaele Mancuso

Informazione pubblicitaria
Antonino La Torre a Roma
Informazione pubblicitaria

Grande festa di sport e partecipazione alla 23a edizione della Maratona di Roma, tenutasi 2 aprile nella Capitale. La pioggia non ha fermato i sedicimila atleti che hanno percorso i 42 chilometri della corsa. Tra questi anche Antonino La Torre, tesserato con l’Atletica San Costantino Calabro.

Informazione pubblicitaria

«Una prova importante la sua – commenta il presidente della società sportiva vibonese, Raffaele Mancuso -, che gli ha permesso ancora una volta di godere di emozioni che rimarranno indelebili nella memoria e nel tempo. Una prestazione quella di Nino la Torre che può definirsi fantastica – aggiunge Mancuso -: ha tagliato il traguardo dopo aver percorso 42 chilometri con il tempo di 3h 35’ 36’’. Ripagato da tutti i sacrifici fatti nella lunga preparazione e che lo portano ad essere soddisfattissimo per aver ancora una volta onorato la maglia dell’Atletica San Costantino Calabro e per aver raccolto i frutti del meticoloso lavoro svolto. Una domenica da ricordare per l’ Atletica San Costantino che continua ad arricchire il proprio bagaglio sportivo di belle soddisfazioni».

Aggiunge Mancuso: «Gara dopo gara cresce il prestigio di questa piccola realtà della provincia di Vibo Valentia, gruppo di sportivi per passione, e come si sa le cose fatte con passione, una marcia in più per riuscire bene in ogni cosa. “Ad maiora” a questi atleti che con le loro brillanti prestazioni regalano onore e prestigio alla nostra società».