Falsa partenza per la Tonno Callipo, al PalaValentia la Lube passa in 4 set (VIDEO)

Esordio volenteroso ma sfortunato nel campionato di Superlega per Vibo Valentia. I giallorossi ritrovano gioco e idee ma devono arrendersi ai campioni d’Italia al termine di una gara intensa e combattuta

Esordio volenteroso ma sfortunato nel campionato di Superlega per Vibo Valentia. I giallorossi ritrovano gioco e idee ma devono arrendersi ai campioni d’Italia al termine di una gara intensa e combattuta

Informazione pubblicitaria
Una partita al PalaValentia
Informazione pubblicitaria

Vibo c’è. La Tonno Callipo batte un colpo e archivia la deludente prestazione di Coppa con una prima prova in campionato più convincente, a dispetto del risultato ugualmente sfavorevole e non del tutto veritiero. Del resto in campo, al PalaValentia, i giallorossi di coach Tubertini, si trovano di fronte ad un esordio di fuoco contro la Cucine Lube Civitanova.

Informazione pubblicitaria

Salite le prestazioni in tutti i fondamentali, migliorata l’intesa tra regia e terminali d’attacco, Vibo si mostra in grado di tenere testa ai campioni d’Italia in carica per buona parte della gara (favorita dall’infortunio del temibile opposto Sokolov) ma deve infine arrendersi in quattro set. Prima dell’avvio, il premio a Pieter Verhees, miglior centrale della passata stagione, consegnato dal presidente Callipo e dal coach della nazionale (ex Vibo) Blengini. Buon primo set per la Callipo che, dopo una partenza a rallentatore, prende le giuste misure dell’avversario. Civitanova, dal canto suo, deve fare i conti fin da subito con l’infortunio dell’opposto bulgaro costretto a lasciare il campo anzitempo. Al suo posto Casadei e, nel quarto, Kovar. Vibo fa meglio dei marchigiani in attacco (54% contro 43% nel primo) ma gli ospiti sono più efficienti a muro e in battuta (6 punti diretti contro 2) e si mantengono avanti di una lunghezza fino al rush finale. Il muro di Stankovic chiude i giochi sul 23-25.

Buon ritmo-partita anche nel secondo set. Cresce il rendimento di Vibo dai nove metri ma gli ospiti hanno una marcia in più e si mantengono davanti con Casadei (9-11). Patch fa vedere buone cose, Marra vola in difesa e la Callipo mette il naso davanti (13-12). La reazione dei cucinieri è repentina e la Lube riguadagna terreno: Juantorena (notevole la sua prestazione: 20 punti con l’86% in attacco) firma il 16-19. Costa punge dai nove metri ma è la pipe di Juantorena a regalare a Civitanova 4 palle set. Chiude Christenson con un tocco di seconda (22-25).

Avvio di terzo parziale nel segno di Patch che picchia duro al servizio e conduce i suoi verso un perentorio 3-0. Lecat trova il mani-out vincente per 6-2. Vibo fiuta il calo di tensione degli ospiti e preme sull’acceleratore (12-8). C’è l’ace di Lecat per il 14-9 dei padroni di casa. Callipo al set point a muro (24-22) chiude Patch sul 25-22.

Ace e pipe di Lecat per il 5-3 dei padroni di casa nel quarto set. Antonov firma punti importanti ma la Lube non si lascia sorprendere e, dopo una fase di equilibrio, azzecca l’allungo decisivo portandosi al match point sul 21-24. Due le palle match annullate prima del punto finale targato Civitanova (23-25).

La voce di protagonisti:

Pieter Verhees: «E’ una grandissima soddisfazione per me aver ricevuto il premio di miglior centrale, risultato arrivato grazie alle buone cose che abbiamo fatto insieme ai miei ex compagni di Monza. Sulla partita di stasera penso che abbiamo avuto una bella reazione dopo il “ko” con Ravenna, siamo stati sempre lì a lottare nei finali di set punto a punto. Sono orgoglioso della nostra prestazione, deve servirci da stimolo a fare sempre meglio».

Taylor Sander: «Una vittoria sofferta in una gara difficile dove Vibo non si è mai arresa giocando molto bene al servizio. Per noi è stato subito un match in salita con l’infortunio di Sokolov ed essere riusciti a vincere qui è molto importante per noi. Sono contento di essere tornato in Italia dove il livello del campionato, e la partita di questa sera lo ha dimostrato, è sempre molto alto».

Il tabellino della gara:
Tonno Callipo Vibo 1
Cucine Lube Civitanova 3
(23-25, 22-25, 25-22, 23-25)

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Costa 10, Coscione 1, Marra (L), Lecat 14, Izzo, Antonov 9, Massari, Verhees 11, Patch 16. Non entrati: Corrado, Domagala, Torchia, Presta. Allenatore: Tubertini.

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 1, Candellaro 1, Sander 16, Juantorena 20, Casadei 4, Stankovic 8, Kovar 1, Grebennikov (L), Christenson 5, Cester 5, Zhukouski. Non entrati: Marchisio, Milan. Allenatore: Medei.

ARBITRI: Marco Zavater e Maurizio Canessa.

NOTE: Spettatori 1950, incasso 10.500. Durata set: 30’, 29’, 32’, 32’, tot.: 123’. Tonno Callipo Vibo: bs 22, ace 9, ric. pos. 34%, ric. perf. 16%, att. 53%, muri 5. Cucine Lube Civitanova: bs 26, ace 11, ric. pos. 47%, ric. perf. 29%, att. 53%, muri 7. Mvp: Juantorena

LEGGI ANCHE:

Tonno Callipo, la prima è un flop: subito fuori dalla Coppa Italia (VIDEO)