Vela d’altura, al via a Vibo Marina il campionato invernale

Organizzata dal Circolo velico Santa Venere, la gara festeggia quest’anno i dieci anni di competizione

Organizzata dal Circolo velico Santa Venere, la gara festeggia quest’anno i dieci anni di competizione

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il campionato invernale di Vela d’altura, organizzato dal Circolo velico Santa Venere, festeggia dieci anni. A Vibo Marina non è più insolito vedere tante vele fuori stagione e ogni anno, grazie al passa parola, se ne aggiungono sempre di più.  L’organizzazione impeccabile  sul campo di regata e l’ospitalità messa a disposizione dai due pontili Marina Carmelo e Azzurra registrano consensi anche nelle alte sfere della Federazione Italiana Vela, tanto che il campionato calabrese non ha nulla da invidiare ai più prestigiosi eventi di Punta Ala o Cala Galera.

Informazione pubblicitaria

Una ventina di imbarcazioni partiranno per la prima di 11 regate, domenica 22 a Vibo Marina. Saranno divise per classi, omogenee per lunghezza, attrezzature e armamento. Le regate si svolgeranno tutte su un percorso tra le boe. Bisognerà poi aspettare la seconda manche per regate costiere, ben più lunghe e impegnative. Anche questa edizione vedrà assegnati i trofei degli sponsor “La Rada”, a Vibo Marina, “Beneteau Spartivento” (a Reggio) e il trofeo “Hang Loose Beach” (a Gizzeria). Passeggiando nel porto di Vibo Marina si possono quest’anno ammirare barche molto più competitive rispetto alle prime edizioni: hanno fatto capolino materiali come il carbonio e prototipi velocissimi. Basti pensare a come si è concluso il campionato dello scorso anno: due primi posti  ex aequo di Profilo, equipaggio reggino e Velazzurra, equipaggio lametino.

A fianco di  questi più agguerriti, però, sta crescendo anche il numero delle barche in assetto prettamente da crociera: quelle con solo vele bianche, interni completi e famiglia al seguito, pasta al forno compresa.  La novità di quest’anno è l’istituzione della classe “In solitario”: coraggiosi lupi di mare che, stufi di dover pietire una collaborazione velica a membri di equipaggio impegnati altrove, si vogliono mettere alla prova navigando esclusivamente da soli.

La prima manche, che inizia il 22 ottobre, terminerà a dicembre, mentre la seconda manche inizierà a febbraio per terminare a maggio. La classifica iridata verrà fatta sugli otto migliori risultati di ogni barca, vale a dire che ci sarà la possibilità di scartare i risultati peggiori o le regate non fatte se si riuscirà a finire tutte le 11 prove in programma. Altrimenti ci saranno solo due scarti.

La formula di dieci anni fa continua ancora oggi ad essere più attuale che mai, come testimoniano i numerosi sponsor che hanno voluto contribuire alla riuscita dell’iniziativa.