Calcio, solidarietà e integrazione di scena a Capistrano

Partita amichevole fra i ragazzi della Nuova Capistranese ed i giovani ospiti del centro accoglienza di Vallelonga

Partita amichevole fra i ragazzi della Nuova Capistranese ed i giovani ospiti del centro accoglienza di Vallelonga

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Integrazione, accoglienza, amicizia, solidarietà, sono valori fondamentali che dovrebbero far parte della quotidianità di tutti. Se poi, ad essi, si aggiunge anche il valore dello sport, il messaggio di pace e fratellanza diviene completo sotto ogni suo aspetto. In questi termini è da intendersi l’incontro amichevole di calcio disputato tra i ragazzi della Nuova Capistranese (che quest’anno tornerà nel campionato di terza categoria, dopo anni di assenza di supporti validi in grado di valorizzare lo sport a Capistrano) ed una rappresentativa di ragazzi ospiti del centro accoglienza profughi minori non accompagnati, “Calabria Futura”, con sede a Vallelonga, diretta da Giuseppe Di Si.

Informazione pubblicitaria

 Un momento importante, capace di esprimere la passione per uno sport, il calcio, che più di tutti possiede la preziosa caratteristica di aggregazione e di linguaggio universale. Il centro “Calabria Futura” opera da tempo in tal senso, cercando di garantire ai propri ospiti un percorso integrativo e nel contempo formativo. I ragazzi ospiti, provenienti da Paesi come Ghana, Gambia, Burkina Faso, Etiopia, grazie all’organizzazione del centro accoglienza, oggi frequentano corsi di lingua italiana e attività pratiche nella struttura e in alcuni istituti privati del territorio.  

“Grazie allo sport – ha affermato il direttore del centro, Giuseppe Di Si – una sana integrazione è possibile. E oggi, in particolare, grazie alla collaborazione della società sportiva capistranese, abbiamo dimostrato che esiste già. La coop “Calabria Futura” ci ha sempre creduto e continuerà ad operare affinché diventi una realtà sempre più consolidata”.