Serie C, cresce l’attesa per il “derby dell’amicizia” Vibonese-Catanzaro – Video

Al Luigi Razza, ancora a porte chiuse, la sfida tutta calabrese che due anni fa fu diretta da Daniele De Santis, l’arbitro barbaramente ucciso nei giorni scorsi in Puglia
Al Luigi Razza, ancora a porte chiuse, la sfida tutta calabrese che due anni fa fu diretta da Daniele De Santis, l’arbitro barbaramente ucciso nei giorni scorsi in Puglia
Informazione pubblicitaria
Le due squadre in campo al Luigi Razza nel 2019
Informazione pubblicitaria

Ritorna il derby. A distanza di qualche mese, ci si ritrova al Luigi Razza, ma rispetto alla volta precedente, il contesto sarà diverso, alla luce della disputa della gara a porte chiuse.

Per la 13ª volta lo stadio vibonese ospita così il derby dell’amicizia, per un bilancio che vede la squadra rossoblù in vantaggio negli scontri diretti (5 a 4), con tre pareggi, l’ultimo dei quali proprio in occasione della sfida più recente, vale a dire quella dello scorso torneo (0-0 con espulsione di Prezioso).

Il precedente pareggio al Razza, invece, nella stagione 2018/19, vide la presenza come arbitro di Daniele De Santis, barbaramente assassinato assieme alla compagna venti giorni addietro, a Lecce, per un caso che ha scosso tutta l’Italia. [Continua]

Informazione pubblicitaria

Alla sfida il Catanzaro vi arriva rinfrancato nel morale dopo la prima vittoria in campionato ottenuta ai danni della Paganese. L’allenatore Calabro vuole altre conferme da una squadra rinnovata parecchio negli ultimi giorni di mercato e che deve trovare ancora il necessario amalgama.

Più o meno la stessa cosa deve fare la Vibonese, reduce da un buon pari a Francavilla. Galfano chiede ai suoi più attenzione, evitando di subire altre reti su rigore. Potrebbe essere questa la gara di Statella, che proverà a siglare il classico gol dell’ex.

Intanto la domenica calcistica del girone C registra la novità relativa all’esordio del Foggia, in casa contro il Potenza, e del Bisceglie, fra le mura amiche contro la Turris. Resta invece a riposo forzato il Catania, che da calendario avrebbe dovuto affrontare il Trapani. Per la capolista Bari ecco la trasferta a Viterbo, mentre c’è il confronto dagli antichi sapori fra il Palermo e l’Avellino. Si va di fretta, allora, con gare da recuperare e una classifica ancora tutta da interpretare.