Il Kendo vibonese Medaglia d’oro ai campionati italiani

L’atleta e poliziotto Roberto Bucca si laurea Campione d’Italia assoluto nell’antica disciplina marziale. Alla scuola di Polizia il primo corso in tutta la Calabria

L’atleta e poliziotto Roberto Bucca si laurea Campione d’Italia assoluto nell’antica disciplina marziale. Alla scuola di Polizia il primo corso in tutta la Calabria

Informazione pubblicitaria
Bucca in combattimento
Informazione pubblicitaria

Roberto Bucca, poliziotto e istruttore di Kendo dell’Asd Amici della Polizia di Vibo Valentia, ha vinto la medaglia d’Oro ai XXXVII Campionati Italiani Assoluti della Federazione Italiana Kendo. Messinese d’origine ma vibonese d’adozione, Bucca ha aperto da quest’anno un corso di Kendo a Vibo Valentia, primo in tutta la Calabria.

Informazione pubblicitaria

La manifestazione sportiva, svoltasi domenica 9 dicembre al Plana Resort di Castel Volturno, in provincia di Caserta, ha visto l’atleta primeggiare in numerosi incontri vinti tutti per due a zero. La medaglia d’oro si aggiunge al palmares dell’atleta non nuovo a prestazioni di spessore nel panorama nazionale. Il Kendo è un’antica disciplina marziale che si rifà all’utilizzo della katana da parte dei samurai. Kendo significa letteralmente “Via della spada”.

Il Kendo si pratica indossando un kimono tradizionale delle arti marziali giapponesi, un’armatura protettiva e usando uno “shinai” (spada in legno di bamboo).

In un combattimento agonistico è lecito colpire quattro parti specifiche e vince il primo che realizza due colpi validi (“ippon”) assegnati dagli arbitri in numero di tre.

Il Kendo è anche un percorso di crescita personale, che avvicina l’atleta al rispetto verso l’avversario e alla condivisione con i compagni e la società.