Superlega, Vibo nel tunnel: sesta sconfitta consecutiva per la Tonno Callipo (VIDEO)

Niente da fare per i giallorossi a Verona, sconfitti in tre set. Verhees: «Abbiamo sbagliato l’approccio alla partita»

Niente da fare per i giallorossi a Verona, sconfitti in tre set. Verhees: «Abbiamo sbagliato l’approccio alla partita»

Informazione pubblicitaria
Un attacco di Verona contro Vibo
Informazione pubblicitaria

Ancora una sconfitta per la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia che esce “Ko” con il punteggio di 3-0 dall’AGSM Forum di Verona contro la compagine di casa della Calzedonia. E’ la sesta débâcle consecutiva per la compagine di coach Tubertini che pur lottando alla pari in molti frangenti del match, ha dovuto cedere alla squadra di coach Grbic. 

Informazione pubblicitaria

Una Tonno Callipo che ha fatto leva sull’ottima serata di Antonov (top-scorer del match con 15 punti realizzati e il 56% in attacco) e sul rendimento performante dei due centrali, Costa e Verhees autori entrambi in attacco di una prova concreta. Ma i giallorossi hanno dovuto fronteggiare la serata negativa dei due giovani opposti, Patch e Domagala: l’americano, partito titolare, non è mai entrato in partita, mentre il polacco non ha replicato l’ottima prova fatta intravedere contro Trento. 

E così Verona, senza strafare e con un gioco semplice ha visto esaltarsi Mengozzi al centro, decisivo nel secondo set, e premiato come Mvp del match. Al fischio d’inizio, il tecnico di casa ha confermato la probabile formazione della vigilia con Spirito al palleggio, Stern opposto, Mengozzi e Pajenk al centro, Jaeschke e Maar di banda, Pesaresi libero. D’altra parte, il tecnico giallorosso ha riproposto lo schieramento tipo con Coscione al palleggio, Patch opposto, Costa e Verhees al centro, Antonov e Lecat in posto 4, Marra libero.

In apertura di primo set, Coscione e compagni hanno mostrato di poter lottare alla pari, ma i molteplici errori commessi in attacco hanno frenato la corsa giallorossa. Verona ha avuto campo libero e con Birarelli, entrato in battuta, ha trovato l’ace del 25-19. 

Nel secondo set coach Tubertini ha confermato Domagala al posto di Patch e la squadra ha mostrato un piglio differente tanto da portarsi avanti sul 10-12 grazie al break di Verhees. Verona ricuce subito sul 12-12 e si lotta punto a punto fino al 20-20. Poi nulla da fare: Mengozzi fa la voce grossa in attacco e a muro ed è proprio il centrale ravennate a siglare il punto del 25-21. 

Nel terzo set ecco il rientro di Patch con Massari confermato al posto di Lecat. La Tonno Callipo lotta palla su palla, entra Djuric e l’opposto scaligero sigla il 10-7. Poi è Antonov a vestire i panni del leader e mettere a terra punti pesanti che consentono alla Tonno Callipo di impattare 15-15. I ragazzi di coach Tubertini tengono la parità fino al 21-12, poi nel finale è Maar a fare la differenza. L’attacco di Jaeschke mette fine al set (25-22) e alla partita.

La voce dei protagonisti:

Così Pieter Verhees, centrale della Tonno Callipo Calabria, a fine gara: «Abbiamo sbagliato l’approccio alla partita. Soprattutto nel primo set, quando a fare la differenza sono stati i nostri errori. Abbiamo praticamente regalato un set a Verona, quando non stavano giocando troppo bene. Inoltre abbiamo faticato a mettere a terra la palla dalla banda e così diventa difficile».

Il tabellino della partita:

CALZEDONIA VERONA 3

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA 0 

(25-19, 25-21, 25-22) 

CALZEDONIA VERONA: Mengozzi 10, Pajenk 5, Stern 7, Marretta, Birarelli 1, Maar 11, Djuric 3, Spirito, Jaeschke 11, Pesaresi (L). Non entrati: Paolucci, Frigo (L2), Grozdanov, Manavinezhad. Allenatore: Grbic. 

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Costa 8, Coscione 1, Marra (L), Lecat 3, Izzo, Antonov 15, Massari 1, Domagala 2, Verhees 10, Patch 3, Presta. Non entrati: Corrado, Torchia (L2). Allenatore: Tubertini 

ARBITRI: Zavater e Pasquali 

NOTE: Spettatori: 2854, durata set: 25’, 30’, 30’. Tot. 85’. Calzedonia Verona: bs 10, ric. pos. 43%, ric. perf. 22%, att. 46%, muri 5. Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia: bs 13, ric. pos. 32%, ric. perf. 21%, att. 40%, muri 4.