Vibonese calcio, in caso di vittoria del campionato c’è il “bonus promozione” (VIDEO)

L’incentivo è inserito su gran parte dei contratti. Beccaria: «Felici di pagarlo qualora dovessimo vincere, ma adesso pensiamo al Portici»

L’incentivo è inserito su gran parte dei contratti. Beccaria: «Felici di pagarlo qualora dovessimo vincere, ma adesso pensiamo al Portici»

Informazione pubblicitaria
Il direttore generale Danilo Beccaria
Informazione pubblicitaria

Tutti presenti, aspettando il Portici. La prima delle 4 finali che porteranno la Vibonese allo scontro diretto contro il Troina. La squadra da battere. La capolista mai così vicina quest’anno. Sei i punti recuperati in due partite. Quattro ancora quelli da recuperare. Poi la rimonta sarà completata. 

Informazione pubblicitaria

Portici, Acireale e Cittanovese permettendo. Ovviamente. «Ci credevamo quando i punti che ci separavano al Troina erano 13, figuriamoci adesso» commenta un soddisfatto direttore generale Danilo Beccaria. «Abbiamo l’obbligo di farlo anche nel rispetto dei nostri tifosi» sottolinea il diggì. Già i tifosi. Quelli che non hanno mai abbandonato la squadra in un’annata che difficilmente sarà dimenticata. L’affaire “Messina”. Le mille porte in faccia della giustizia sportiva. L’avvio ritardato di oltre un mese. I balbettamenti nelle prime sei partite. 

«In quelle gare abbiamo raccolto davvero poco – ricorda Beccaria – a pensarci oggi magari saremmo davanti al Troina e non dietro. Ma – rimarca – guardiamo avanti e speriamo di poterci giocare il sorpasso qui in casa nello scontro diretto».

L’incentivo, d’altronde, ai giocatori non manca. Molti dei tesserati rossoblù, infatti, hanno un “bonus promozione” inserito sul contratto: «E’ vero – spiega Beccaria – l’abbiamo fatto per risparmiare ad inizio campionato e per buono auspicio. Saremo contenti di riconoscerlo in caso di vittoria del campionato, ma adesso – chiosa – pensiamo al Portici».

LEGGI ANCHE:

Serie D, la Vibonese stende anche il Gela e si avvicina alla vetta

Serie D, Vibonese – Troina: la lotta a distanza continua (VIDEO)