domenica,Giugno 20 2021

Coronavirus, Boccia: «In Calabria pochi tamponi, impugneremo al Tar ordinanza Santelli»

Il ministro agli Affari regionali ha ribadito: «Le linee guida le detta lo Stato e le Regioni devono adeguarsi. Non abbiamo avuto violazioni a parte la Calabria». La replica della Regione

Coronavirus, Boccia: «In Calabria pochi tamponi, impugneremo al Tar ordinanza Santelli»

«Ora non è il momento di anticipare scelte. Definito il modello di monitoraggio grazie al lavoro straordinario del ministro Speranza, valuteremo i dati giorno per giorno e poi vedremo chi sta sopra o sotto i parametri». Lo ha detto il ministro agli Affari regionali, Francesco Boccia in un’intervista al quotidiano Il Messaggero. «I presidenti di Regione sono tutti molto responsabili, nessuno vuole far rischiare la vita ai propri cittadini. È evidente che le Regioni che saranno sotto i parametri dovranno aspettare qualche giorno o settimana in più, chi sta sopra potrà lentamente e ripartire. non era mai successo nella storia della Repubblica che un’emergenza sanitaria si trasformasse in pandemia», ha detto Boccia, ribadendo, a proposito dei contrasti delle ultime settimane con alcuni governatori, che «in questo caso le linee guida le dà lo Stato e le Regioni si devono adeguare e rispettarle. Ma è prevalso il buonsenso, ci sono state discussioni forti, però mai violazioni di regole a parte la Calabria».

Il ministro ha poi tenuto a ringraziare i Comuni che «tramite De Caro hanno deciso di rinunciare a parte della loro autonomia per farsi proteggere dallo Stato, attuando le ordinanze del governo». Sul caso della Calabria, regione nella quale la governatrice Santelli ha riaperto bar e ristoranti, Boccia ha dichiarato: «Penso che in un momento come questo nessuno può permettersi di anticipare scelteche non sono considerate sicure, mettendo a rischio la vita di lavoratori e clienti. Questo non è giusto». La governatrice Santelli «già giovedì sera ha ricevuto la diffida e se non ritirerà l’ordinanza nelle prossime ore sarà impugnata domani mattina al Tar. La Calabria fa meno della metà dei tamponi del Trentino Alto Adige avendo il doppio della popolazione. Siccome abbiamo voluto essere rigorosi ma collaborativi, impugnando diamo alla Santelli ancora una chance».

Al ministro Boccia ha replicato, in una nota, la Regione Calabria. «In riferimento a quanto riportato dall’Agi secondo cui fonti della maggioranza avrebbero fatto notare che i dati sui contagi fatti registrare in Calabria siano dovuti al ridotto numero di tamponi effettuati in rapporto a quello di altre regioni, si precisa che il numero dei casi testati in Calabria è pari a 35.975 che, in rapporto alla popolazione, evidenzia una media di un test ogni 55 abitanti. Tale risultato è tra i più alti tra le regioni del centro sud che registrano una media di 1 test ogni 60 abitanti. Tutto ciò nonostante le difficoltà non dovute alla disponibilità dei tamponi ma al reperimento di reagenti e soprattutto delle attrezzature per l’effettuazione dei test nei 5 laboratori regionali. Il dato dei contagiati e la relativa percentuale in rapporto alla popolazione che risulta la più bassa tra tutte le regioni italiane, non è pertanto direttamente influenzato dal numero dei casi testati».

top