Beccati dalle foto-trappole, pesanti sanzioni per chi abbandona rifiuti a Pizzo

I dispositivi installati nei punti strategici del territorio comunale hanno colto in flagrante gli incivili che ora saranno multati e segnalati ai carabinieri     

I dispositivi installati nei punti strategici del territorio comunale hanno colto in flagrante gli incivili che ora saranno multati e segnalati ai carabinieri     

Informazione pubblicitaria

I primi dispositivi installati sul territorio comunale di Pizzo continuano a fotografare il triste fenomeno dell’abbandono di rifiuti per strada. «Le immagini scattate dalle foto-trappole hanno ripreso i responsabili (pizzitani e non) e il Comando dei vigili urbani ha effettuato le visure delle targhe mentre il Settore ambiente procederà ora ad applicare le sanzioni previste dal regolamento comunale. Le immagini verranno altresì trasmesse alla locale Stazione dei Carabinieri». È quanto fa sapere l’assessore al ramo Fabrizio Anello ribadendo l’impegno della Giunta Callipo nella lotta e nel contrasto al fenomeno. «Con l’introduzione della raccolta differenziata spinta e l’eliminazione dei cassonetti stradali, i comportamenti non rispettosi dell’ambiente si sono intensificati in particolar modo nelle periferie. Confidiamo – aggiunge Anello – nell’effetto dissuasore delle foto-trappole». Dal canto suo, il sindaco Gianluca Callipo ribadisce che «non possiamo che ritenerci soddisfatti di come la comunità di Pizzo sta reagendo, di certo in un momento non facile, alla novità del nuovo sistema di raccolta differenziata. Del resto – precisa – rimandare avrebbe comportato ulteriori difficoltà. Stiamo lavorando ad apportare utili correzioni e modifiche al calendario, in particolare per gli esercenti commerciali. Soluzioni – conclude – che insieme all’attività di controllo e sanzionatoria auspichiamo possa far entrare a regime il sistema». 

Informazione pubblicitaria