Pizzo, ripulito dai rovi lo storico ponte di età borbonica – Video

L’assessore Anello: «Coinvolgeremo le scuole e gli altri Comuni per farlo conoscere». Lo studioso Pacifico: «Per la prima volta fu usato un cemento a presa rapida»
L’assessore Anello: «Coinvolgeremo le scuole e gli altri Comuni per farlo conoscere». Lo studioso Pacifico: «Per la prima volta fu usato un cemento a presa rapida»
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Informazione pubblicitaria

Pulizia straordinaria per ridare lustro ad un ponte dell’epoca borbonica, che era infestato dai rovi ed era sommerso dai rifiuti. È quanto ha realizzato il Comune di Pizzo Calabro, col supporto dei volontari della Protezione civile, intervenendo lungo il manufatto storico che sovrasta il fiume Angitola. Squadre all’opera, dunque, per una mattinata di grande soddisfazione anche per i cultori di storia locale come Mimmo Pacifico che ha ricordato il pregio architettonico di un attraversamento che si trovava lungo il vecchio tragitto che collegava le Ferriere di Mongiana e il porto pizzitano. «Questo ponte ha un primato – ha spiegato – perché mai prima della sua costruzione che risale alla prima metà dell’800 era stato usato un cemento a presa rapida capace di attecchire a contatto con l’acqua». «Coinvolgeremo le scuole – ha aggiunto l’assessore Fabrizio Anello – e altri comuni dell’area dell’Angitolano, perché vogliamo che questo ponte venga conosciuto per l’importanza storica che ha».