Crisi idrica a Vibo, rassicurazioni dal vertice Comune-Sorical

La società che gestisce le risorse idriche regionali si impegna a predisporre un piano d’emergenza e di attuare una comunicazione più tempestiva in caso di nuovi guasti
La società che gestisce le risorse idriche regionali si impegna a predisporre un piano d’emergenza e di attuare una comunicazione più tempestiva in caso di nuovi guasti
Informazione pubblicitaria
Il vertice con la Sorical al Comune di Vibo
Informazione pubblicitaria

«Comune di Vibo e Sorical lavorano per dare ai cittadini il migliore servizio nelle condizioni  in cui si trovano le infrastrutture idriche di grande adduzione e di distribuzione. Nel corso della riunione è stato dato atto della rottura imprevista nella rete di adduzione Sorical avvenuta durante la notte con comunicazione effettuata appena possibile nella mattina successiva». Stempera le polemiche seguite all’ultima crisi idrica che ha interessato la città di Vibo Valentia, la società di gestione delle risorse idriche della Calabria in una nota diffusa a margine dell’incontro avvenuto oggi in Comune con gli amministratori cittadini.  

«La riunione – si spiega – è servita per analizzare i disagi che si sono verificati a seguito delle due rotture dell’acquedotto peraltro prontamente riparate dalle squadre operative che hanno lavorato ininterrottamente per 37 ore. L’amministrazione comunale ha chiesto a Sorical un migliore monitoraggio della rete e, per l’ipotesi di ulteriori rotture della rete, una maggiore attenzione nelle comunicazioni tra uffici, ciò al fine di consentire un’informazione tempestiva e corretta ai cittadini e di ridurre al minimo i disagi. E’ stata altresì richiesto – si aggiunge – di predisporre un piano di emergenze, coinvolgendo anche la Protezione civile regionale. Piano di emergenza al quale fare riferimento in caso di interventi di manutenzione sulla rete anche al fine di informare in modo puntuale i cittadini e ridurre al minimo i disagi».

Nei prossimi giorni, si rende infine noto, Sorical sottoporrà al Comune «un piano da attivare in caso di emergenze, mentre il 28 gennaio alla Regione si terrà una riunione per fare il punto sul progetto di ingegnerizzazione delle rete idrica comunale gestito direttamente dall’ente regionale».    

Informazione pubblicitaria