La lettera | “Che amarezza tornare a Zambrone e vedere il lungomare ridotto così”

Un’assidua frequentatrice della località turistica scrive a Il Vibonese per manifestare il suo sconforto di fronte alle condizioni della strada che costeggia la suggestiva spiaggia 

Un’assidua frequentatrice della località turistica scrive a Il Vibonese per manifestare il suo sconforto di fronte alle condizioni della strada che costeggia la suggestiva spiaggia 

Un tratto del lungomare di Zambrone
Informazione pubblicitaria

Egregio direttore, ho trascorso il weekend scorso in una struttura alberghiera di Zambrone e sono rimasta molto amareggiata nel vedere il lungomare così ridotto a pochi giorni dall’inizio della stagione estiva. Premetto di essere un’assidua frequentatrice, con la mia famiglia, di questa località da più di 20 anni, rapita dalla bellezza delle sue acque, dalle splendide spiagge di sabbia bianca, dai tramonti indimenticabili con lo sfondo delle Isole Eolie con lo Stromboli in primo piano e Tropea che, a sinistra, affacciata sul mare dal suo promontorio, sembra vegliare sull’intera Costa degli Dei! Egregio direttore, è per questo che mi chiedo perché fondi derivanti, ad esempio, dalla proficua tassa di soggiorno non siano stati impiegati, in tempo, per interventi cosi necessari per un Comune che dovrebbe sfruttare al meglio le risorse turistiche ed ambientali nei 3-4 mesi della stagione estiva e magari essere impiegati anche per abbellire lo stesso lungomare con alberi e panchine. Allego una foto (immagine in alto, ndr) che parla da sé e spero, da turista, di dover fotografare altro.              *Turista in vacanza a Zambrone

Informazione pubblicitaria