“Natale sicuro”, carabinieri in prima linea per la sicurezza nelle Serre – Video

Presentato in conferenza stampa a Vibo il piano predisposto dall’Arma di Serra San Bruno per le festività e gli obiettivi conseguiti nell’anno che volge al termine

Presentato in conferenza stampa a Vibo il piano predisposto dall’Arma di Serra San Bruno per le festività e gli obiettivi conseguiti nell’anno che volge al termine

Informazione pubblicitaria
La conferenza stampa di questa mattina
Informazione pubblicitaria

«Sarà un “Natale sicuro”». Questo l’obiettivo dei carabinieri del Comando provinciale di Vibo Valentia, che in particolare con i colleghi della Compagnia di Serra San Bruno, hanno messo a punto un piano di rafforzamento dei controlli sul territorio in concomitanza con le festività natalizie, quando nel Vibonese si concentreranno diverse iniziative che richiameranno un maggiore afflusso di persone. Ancor più incisiva e costante, quindi, sarà la presenza dei militari, che pattuglieranno i mercatini di Natale e i principali snodi autostradali. Una massiccia presenza delle forze dell’ordine che servirà ad infondere un maggiore senso di sicurezza e vicinanza delle istituzioni al cittadino. L’operazione “Natale sicuro” è stata presentata stamani nel corso di una conferenza stampa dai comandanti della Compagnia, del Nucleo operativo radiomobile e della Stazione di Serra San Bruno Marco Di Caprio, Vincenzo Iarnone e Giuseppe Grillo. L’occasione è stata utile anche per tracciare un bilancio dell’attività svolta nel corso del 2018, che ha visto i militari impegnati in attività di prevenzione e repressione dei reati ambientali. In particolare sul fenomeno del taglio abusivo di boschi, sono state arrestate otto persone e denunciate venti. Sul fronte della ricerca di piantagioni di droga, sono state scoperte e sequestrate ottomila piantine nell’ambito dell’operazione “Green Montain”. Per quanto riguarda invece i furti e le ricettazioni sono state sequestrate nove armi da fuoco  e denunciate altrettante persone. E’ stata fatta luce sull’omicidio di Bruno Lazzaro e sull’estorsione subita dall’avvocato Rosario Lopreiato. Positiva l’attività di repressione dei furti, che hanno registrato quest’anno un calo del 40%. Anche i danneggiamenti sono diminuiti del  35%. Gli arresti e le denunce sono invece aumentati del 46%, così come sono pure aumentati del 60% i reati su cui è stata fatta luce. Obiettivi centrati anche grazie alla collaborazione dei cittadini che si avvicinano all’Arma dei carabinieri con maggiore fiducia.

Informazione pubblicitaria