Strada del Mare: apertura da fine luglio a metà settembre

E’ quanto assicurato oggi dal prefetto di Vibo Valentia, Francesco Zito. Quasi terminati i lavori di disgaggio dei massi

E’ quanto assicurato oggi dal prefetto di Vibo Valentia, Francesco Zito. Quasi terminati i lavori di disgaggio dei massi

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Sarà riaperta a fine luglio e resterà aperta sino al 15 settembre prossimo la Strada del Mare, chiusa dal 7 novembre 2017 nel tratto Joppolo-Coccorino a causa delle caduta di un masso dal costone. E’ quanto assicurato dal prefetto di Vibo Valentia, Francesco Zito, che ha oggi convocato i sindaci e commissari del territorio per fare il punto della situazione unitamente all’Anas ed all’appaltatore “Moretti Costruzioni”. Presenti gli amministratori comunali di Joppolo, Ricadi, Tropea, Nicotera, Spilinga, Limbadi, oltre ad amministratori e funzionari della Provincia di Vibo. Per la prossima settimana è previsto l’arrivo di un elicottero per posizionare le reti da installare lungo il costone roccioso che sovrasta la strada. Le operazioni di disgaggio dei massi sono infatti quasi terminate. 

Informazione pubblicitaria

L’ingegnere Marco Moladori (Anas) al fine di preservare l’efficacia dell’intervento, ha quindi consigliato di far destinare una quota delle rimanenze del vecchio Accordo di programma quadro (14milioni di euro) per finanziare le prime opere di manutenzione che dovranno essere spalmate in un arco temporale di cinque anni. Il Comitato “Strada del Mare” – con Giovanni Capua e Carmelo Preiti – ha dal canto suo chiesto al prefetto di prestare la massima attenzione agli incendi al fine di evitare che non si ripeta quanto accaduto nel 2017 quando imponenti roghi hanno carbonizzato tutta la vegetazione esistente, aumentando di fatto il rischio di crolli di massi dal costone. Richieste di sistemazione della strada provinciale numero 25 – attuale percorso alternativo alla Strada del Mare – sono state fatte dal Comitato ai rappresentanti della Provincia. L’arteria è infatti più che mai pericolosa e necessita da tempo almeno di una seria opera di pulizia che la liberi da erbacce e canneti. Ricordiamo che decisivo per lo sblocco dei lavori – dopo mesi di inerzia da parte della politica locale – si è rivelata la costituzione di un comitato spontaneo che è riuscito a far arrivare il caso sino a “Striscia la Notizia”, e quindi l’intervento del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli (a farsi portavoce della problematica il deputato vibonese del M5S, Riccardo Tucci), che ha stabilito il subentro dell’Anas alla Provincia di Vibo quale soggetto attuatore degli interventi per la riapertura di una strada di fondamentale importanza.    LEGGI ANCHE: Strada del mare Joppolo-Coccorino: Anas avvia i lavori – Video

Strada del Mare chiusa: al via i lavori per la riapertura

Strada del mare Joppolo-Coccorino, firmata la convenzione per lo sblocco dei lavori